Pubblicità

Ipoglicemizzanti e insulina

Ipoglicemizzanti e insulina sono entrambi utilizzati nella cura del diabete mellito. Come e quando sono usati.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Ipoglicemizzanti insulina

Che cosa sono

Ipoglicemizzanti e insulina sono entrambi utilizzati nella cura del diabete mellito per simulare nell'organismo la corretta produzione e il giusto funzionamento dell'ormone insulina utilizzando un meccanismo lievemente differente.

Il loro impiego deve essere abbinato a una dieta povera di zuccheri e all'attività fisica. In questo modo aiutano a migliorare il controllo del metabolismo e a prevenire le complicanze del diabete.

Come funzionano

L'insulina riduce la concentrazione del glucosio nel sangue favorendo il suo ingresso nelle cellule muscolari e adipose e stimolandone l'accumulo sotto forma di glicogeno nel fegato.

In una persona sana il pancreas produce più insulina in prossimità dei pasti proprio per ridurre nel sangue la concentrazione di glucosio che arriva dagli alimenti.

Nel diabete mellito questa concentrazione aumenta perché i livelli di insulina sono insufficienti o perché le cellule sulle quali agisce questo ormone diventano insensibili.

La somministrazione di insulina aiuta a far fronte alla carenza dell'ormone tipica del diabete.

Gli ipoglicemizzanti, invece, possono stimolare la secrezione di insulina o aumentarne l'efficacia d'azione sulle cellule bersaglio.

A seconda del quadro clinico del paziente insulina e ipoglicemizzanti possono essere utilizzati insieme in diverse combinazioni. Per esempio, alcuni ipoglicemizzanti possono ridurre le dosi o la frequenza delle iniezioni di insulina.

L'insulina

L'insulina è indicata per la cura del diabete di tipo I, detto anche insulino-dipendente.

A seconda della rapidità d'azione si distinguono insuline rapide, ultrarapide, intermedie e protratte. Le insuline glargine e detemir, invece, hanno una durata d'azione prolungata.

Alcune insuline possono essere miscelate tra loro, ed esistono anche combinazioni di insulina premiscelate. La somministrazione può avvenire soltanto tramite iniezione sottocutanea, perché l'insulina viene distrutta dai processi digestivi che hanno luogo nello stomaco.

L'iniezione può essere effettuata con siringhe oppure “penne” più facili e comode da usare.

Gli ipoglicemizzanti

Gli ipoglicemizzanti sono indicati nel trattamento del diabete di tipo II se una dieta corretta e l'attività fisica non sono sufficienti a tenere sotto controllo la malattia.

Le sulfaniluree, tra cui le più attive sono glibenclamide e glipzide, stimolano la secrezione di insulina da parte del pancreas. Come effetto secondario aumentano la sensibilità all'insulina delle cellule bersaglio. Inoltre aumentano la capacità delle cellule di utilizzare il glucosio e inibiscono la produzione dello zucchero da parte del fegato. Sono consigliate ai pazienti in cui il pancreas è ancora in parte attivo.

Le biguanidi, come metformina e fenformina, agiscono invece direttamente sulle cellule bersaglio: aumentano il numero delle molecole presenti sulla loro superficie che riconoscono l'insulina, stimolano l'ingresso del glucosio nelle cellule, ne facilitano l'uso e ne riducono l'assorbimento a livello intestinale e la produzione da parte del fegato.

Per questo sono indicate per pazienti in sovrappeso o con trigliceridi alti. Sono, invece, sconsigliate al di sopra dei 70 anni.

Di più recente introduzione è l'acarbose, un inibitore dell'alfa-glucosidasi, l'enzima che digerisce gli zuccheri nell'intestino. Agisce direttamente proprio nell'intestino, dove riduce l'assorbimento degli zuccheri.

Gli ipoglicemizzanti di nuova generazione sono: repaglinide, che agisce in modo simile alle sulfaniluree, ma con minori effetti collaterali, glibenclamide, che regola i livelli di glicemia dopo i pasti e i glitazoni, che aumentano la sensibilità delle cellule all'insulina.

Avvertenze

Gli ipoglicemizzanti devono sempre essere prescritti dal medico curante, il cui controllo è particolarmente importante per personalizzare la cura in base alle diverse esigenze dei pazienti. Inoltre è importante ricordare che alcuni farmaci non possono essere somministrati contemporaneamente agli ipoglicemizzanti.

In particolare gli antipertensivi e i corticosteroidi per infiltrazioni locali possono contrastarne l'efficacia. Inoltre è bene sospendere il trattamento se il paziente deve stare a digiuno in preparazione di accertamenti medici invasivi.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Gaubello1 Gregorio Guabello
Endocrinologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Diabete: le mosse giuste da fare

  • Automonitoraggio

    Automonitoraggio della glicemia

    Mantenere quanto più possibile vicini alla norma i valori della glicemia, senza però abbassarla troppo, è l’obiettivo di ogni diabetico. Per raggiungere questo scopo è essenziale l’automonitoraggio domiciliare, che consente di controllarne più volte al giorno i livelli e valutare di conseguenza l’efficacia (o inefficacia) della terapia e della dieta.

  • Alimentazione

    Un’alimentazione corretta è la migliore medicina

    Una dieta mirata deve essere parte integrante della strategia terapeutica contro il diabete: la glicemia si tiene infatti sotto controllo non solo con i farmaci, ma anche con un’alimentazione ricca soprattutto di frutta, verdura, cereali integrali e legumi. Inoltre, sembrerebbe utile invertire l’ordine dei piatti: ingerire prima le proteine, e poi i carboidrati, aiuta a evitare i picchi glicemici post-prandiali.

  • Attivita%cc%80 fisica

    Stop alla sedentarietà

    Combattere la pigrizia è facile: non serve allenarsi duramente, ma è sufficiente fare una passeggiata invece di prendere l’auto o salire le scale invece di prendere l’ascensore. Queste buone abitudini devono entrare a far parte della routine quotidiana, in questo modo si potrà godere dei benefici che l’attività fisica ha sul controllo della glicemia.

  • Oculista

    Dall’oculista una volta all’anno

    Il mancato controllo della glicemia può danneggiare i piccoli vasi sanguigni di diversi organi: nel caso dell’occhio, per esempio, è possibile che i capillari della retina si deteriorino, causando problemi alla vista. Ecco perché è fondamentale sottoporsi almeno una volta all’anno a un’accurata visita oculistica che comprenda anche l’esame del fondo oculare.

  • Esami sangue

    Esami del sangue e delle urine per la salute dei reni

    Anche i vasi sanguigni dei reni possono essere danneggiati dal diabete: per monitorare la funzionalità renale è necessario valutare periodicamente, con semplici analisi di laboratorio, alcuni parametri che danno un’idea della salute del rene, come i livelli di creatinina nel sangue o eventuali tracce di albumina nelle urine.

  • Piedi

    Attenzione ai piedi

    È necessario dedicare particolare attenzione alla cura dei piedi: la ridotta sensibilità agli arti inferiori e una cattiva circolazione periferica possono facilitare la comparsa di ulcerazioni e lesioni cutanee molto difficili da curare. È necessario controllare quotidianamente lo stato di salute dei piedi, utilizzare sempre calzature comode e traspiranti, rivolgersi a un podologo in caso di calli o duroni e lavarsi con acqua tiepida e un detergente delicato, avendo cura di asciugarsi molto bene.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI FARMACI
Torna su