RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Intolleranza al lattosio e uso di prodotti di soia"

In famiglia siamo tutti intolleranti al lattosio; facciamo molto uso di prodotti alla soia: gelati, yogurt, latte ecc. Si sentono molti pareri discordanti sul fatto che faccia bene o male. Qual è la sua opinione?

I prodotti a base di soia sono ideali per le persone intolleranti al lattosio, tuttavia non hanno lo stesso valore nutritivo di quelli contenenti latte. Ovvero, non si tratta di prodotti dannosi di per sé, ma bere un bicchiere di latte di soia non è uguale a bere un bicchiere di latte vaccino. Tra l’altro molte persone che assumono abitualmente i prodotti a base di soia, nel lungo termine lamentano qualche disturbo di tipo intestinale (eccesso di fermentazioni e gas intestinale, gonfiore addominale e qualche lieve dolore). Consiglio di leggere bene le etichette dei prodotti che si consumano e di provare ad alternare il latte di soia con quello vaccino che esiste sul mercato proprio adattato per chi ha problemi d’intolleranza al lattosio. Inoltre bisogna sempre fare attenzione agli ingredienti riportati in etichetta perché molti preparati industriali, e non solo il latte e i derivati, contengono il lattosio che viene utilizzato come correttore del gusto o come addensante (biscotti, prodotti da forno, prosciutto cotto, dolciumi e creme di preparazione industriale, pane confezionato, gelati ecc). Dunque, senza allarmismi eccessivi è sempre bene informarsi.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su