Pubblicità

Influenza e asma

L'influenza può indurre gravi complicanze respiratorie in chi soffre d'asma. Ecco come proteggersi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Influenza asma polmoni

Tutte le infezioni dell’apparato respiratorio sono pericolose per chi soffre di asma. Per questo gli asmatici dovrebbero porre la massima attenzione alla prevenzione. Incluso il vaccino.

In presenza di asma tutte le infezioni respiratorie possono provocare infiammazione e restringimento delle vie aeree inferiori.

I rischi maggiori riguardano la possibilità di sviluppare gravi complicanze respiratorie dell’influenza. E il vaccino è la miglior misura per prevenire l’influenza e, di conseguenza, i problemi respiratori connessi.

Sintomi da non sottovalutare

Coloro che soffrono d’asma devono rivolgersi al medico ogni qualvolta compaiono sintomi dell’influenza: si possono innescare crisi respiratorie. In particolare, il camice bianco va interpellato se compare:

  • respiro affannoso o difficoltà respiratorie
  • tosse con aumento di catarro
  • muco giallo o verde
  • febbre o brividi
  • affaticamento o debolezza in aumento
  • gola irritata, mal di gola o dolore alla deglutizione
  • congestione nasale, emicrania o dolore facciale nelle zone dei seni paranasali.

Che fare in caso di influenza

Ai primi segni di influenza è opportuno rivolgersi al medico di famiglia, il quale consiglierà le misure migliori per impedire che compaiano o peggiorino i sintomi dell’asma.

Durante la visita effettuerà i test per controllare lo stato respiratorio e darà indicazioni dettagliate sulla terapia da adottare.

È imperativo assicurarsi di seguire correttamente le indicazioni in modo da mantenere i sintomi respiratori sotto controllo.

Nel frattempo, è opportuno eseguire un controllo regolare del picco di flusso respiratorio per assicurarsi che la respirazione rimanga nella zona sicura.

Prevenire l’influenza

La migliore strategia è la prevenzione. Esistono misure abbastanza semplici che aiutano a impedire le infezioni che possono innescare l’attacco di asma.

  • Una buona igiene può ridurre il rischio di infezioni virali quali l’influenza. Ricordare di lavarsi frequentemente le mani per eliminare i germi.
  • Sottoporsi ogni anno alla vaccinazione contro l’influenza. In più, discutere con il proprio medico l’opportunità di eseguire una vaccinazione contro lo pneumococco, causa comune di polmonite batterica, che può essere particolarmente seria in una persona con asma.
  • Anche la sinusite può rivelarsi una condizione molto seria nelle persone che soffrono di asma. Informasi sui sintomi di un'infezione dei seni paranasali e segnalarli immediatamente al medico per impedire che scatenino attacchi di asma.
  • Mantenere pulite le apparecchiature per la dispensazione dei farmaci antiasma. Non condividere con altre persone inalatori, nebulizzatori e altri apparecchi.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Tursi Francesco Tursi
Pneumologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Influenza: che fare ai primi sintomi?

Primi sintomi influenza come intervenire

Intervista a Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università di Milano

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza aria aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza lavarsi le mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza virus occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su