RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Influenza di Ulipristal sui dosaggi ormonali "

Il 21/08 ho assunto la pillola dei 5 giorni dopo. La mia situazione però è alquanto particolare poichè, dopo aver avuto la prima mestruazione a 15 anni (ora ne ho 21) e qualche mese successivo in cui il ciclo è stato più o meno regolare il mio ciclo è completamente sparito e torna solo se stimolato con farmaci. Dal mese di giugno 2016 infatti non ho assunto nulla e non ho avuto nessun ciclo per tutta l'estate, nemmeno dopo aver preso la pillola dei 5 giorni dopo. Adesso però dovrei fare delle analisi del sangue per vedere i miei dosaggi ormonali. La mia domanda è: la pillola dei 5 giorni dopo può alterare questi esami?

La contraccezione di emergenza con ulipristal acetato, cosiddetta pillola dei cinque giorni dopo, può ritardare di alcuni giorni l’eventuale ovulazione in atto in modo che gli spermatozoi del rapporto sessuale presunto a rischio si dissolvano e non riescano a fecondare l’ovocita. Ma non può certamente sconvolgere valori degli ormoni già sconvolti nella situazione attuale di una amenorrea secondaria di lungo periodo, che va opportunamente indagata e per quanto possibile trattata per i suoi eventuali riflessi negativi da un lato sui metabolismi, e in particolare su quello osseo, e dall’altro per i suoi possibili riflessi sulla fertilità futura.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su