Pubblicità

In aereo con i bambini: ecco le cose da sapere

A che età può cominciare a volare? Gli faranno male le orecchie? Ecco le risposte.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti

A che età il primo volo? Gli faranno male le orecchie? Che faccio se piange? Sono tanti i dubbi che assillano i neogenitori quando devono programmare una vacanza che richiede l'aereo.

Un bimbo piccolo, anche di pochi mesi, può volare in aereo? Sono interrogativi frequenti in tempi di viaggi, quando mamma e papà devono programmare una vacanza.

Chiarisce Leo Venturelli, pediatra e responsabile della educazione alla salute della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale): «Se non ci sono problemi di salute, anche un neonato può affrontare un volo. Non esistono in generale controindicazioni per la pressurizzazione. In aereo infatti è come se si fosse a 1700-2000 metri di quota. Solo nel caso di otite perforata nei giorni precedenti il viaggio non si deve volare: la pressione in cabina rischierebbe di far perforare nuovamente la membrana timpanica dell’orecchio».

Se il piccolo soffre di una malattia contagiosa, come la varicella, vale la regola che il bimbo non deve partire fino a cinque giorni dall’inizio della malattia. «Per altri disturbi basta il buon senso del genitore: se, ad esempio, soffre di gastroenterite, con attacchi di vomito o diarrea, meglio restare a terra» aggiunge.

Piccoli fastidi a bordo

«Un biberon con un poco di acqua è un sistema semplice per combattere il dolore all’orecchio dovuto agli sbalzi di pressione in cabina. al momento del decollo e dell’atterraggio». Quando il bambino deglutisce il liquido, ‘aggiusta’ la pressione sul timpano ed elimina il fastidio.

«Mentre l’auto può essere fastidiosa per i bambini, l’aereo solitamente non procura malessere. In ogni caso, se si temono problemi, si può far mangiare qualcosa di asciutto prima di partire, come biscotti secchi o cracker. Per evitare raffreddori è meglio non far viaggiare il piccolo vicino a un bocchettone, dove arriva un costante flusso di aria fredda direttamente sulla sua testa».

Sull’aereo, fino ai due anni il bambino viaggia “agganciato” e in braccio al genitore con una cintura di sicurezza.

Se il volo è lungo, si può chiedere alle compagnie aeree quali sono le soluzioni offerte: il “baby cot”, una sorta di culla per neonati fino a 6 mesi, mentre fino ai 2 anni c’è l’”infant seat”, un seggiolino da fissare al sedile. Se si tratta di un volo intercontinentale e quindi di molte ore, l’avvertenza più importante è attrezzarsi.

Tutto l’occorrente in cabina

Bisognerà calcolare tutto il necessario per dar da mangiare e cambiare il piccolo durante la traversata.

Se il bambino non viene allattato al seno, occorre avere a disposizione oltre al latte in polvere, più biberon calcolando il numero delle poppate che deve fare durante il tragitto aereo.

Per l’acqua e per riscaldarli si deve chiedere alla hostess. Anche il numero dei pannolini deve essere sufficiente ai ricambi necessari durante il viaggio.

Pubblicità

Meglio qualche pannolino in più che trovarsi senza ricambi. Nella borsa per il bimbo si mettono anche gli altri oggetti necessari in viaggio: ciuccio, asciugamano, salviette umidificanti usa e getta, bavaglini…. Il passeggino viene invece imbarcato nella stiva e restituito al momento dello sbarco.

In genere le compagnie aeree cercano di agevolare il viaggio delle famiglie con bambini. Arrivando con anticipo al banco della registrazione e se è disponibile, si può ottenere un posto comodo: le sedie in prima fila offrono più spazio, ed è possibile avere a portata di mano la borsa con quello che serve per il piccolo.

Molte compagnie al momento dell’imbarco danno la precedenza ai viaggiatori con bambini.

Calcolare di aver cambiato il pannolino prima del decollo, dato che poi non sarà possibile alzarsi fino all’arrivo in quota. Tenere a portata di mano golfino e coperta, se si avvertisse freddo.

Alessandra Margreth

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Battaglioli1 Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

CONSULTA L’ARCHIVIO DI SALUTE E BENESSERE
Torna su