Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Feci troppo dure "

Da otto giorni non riesco ad andare di corpo, ho lo stimolo ma non riesco ad evacuare. Durante il giorno bevo molta acqua e circa due giorni fa ho ussato delle supposte di glicerina senza successo. Stanotte con l'ausilio di un guanto in lattice ho appurato di avere una fece grossissima e durissima all'interno, ho provato a sforzarmi ma niente di fatto a parte il dolore sia di stomaco, sia intestinale, sia anale. Che fare?

È importante capire se si tratta solo di un episodio sporadico o se è un problema che si verifica più spesso, in tal caso va indagato con esami specifici dopo una visita accurata. Se il problema di cui ha accennato non è ancora risolto o si è ripresentato deve ammorbidire le feci presenti in ampolla, in modo che fuoriescano senza traumi, utilizzando clisteri evacuativi al sorbitolo (meno irritante sulla mucosa rispetto alla glicerina) e se non sufficienti, clismi evacuativi. Per prevenire ulteriori episodi di stipsi acuta le consiglio, oltre a una dieta ricca di fibre e un adeguato introito di liquidi (2 l al giorno), l’utilizzo di lassativi osmotici (macrogol, PEG) che hanno l’effetto di richiamare liquidi nel lume intestinale rendendo morbide le feci e facilitandone il transito.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su