Pubblicità

Febbre: misurala bene

Sotto l'ascella o sulla fronte? Ecco come conoscere in modo preciso la temperatura corporea.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Febbre misurare

Sotto l’ascella, con i termometri classici, oppure sulla fronte con quelli a cristalli liquidi? Ecco tutti i metodi per misurare correttamente la febbre e interpretare i dati di temperatura.

La febbre è uno dei meccanismi che il nostro organismo mette in atto per accelerare le reazioni che portano alla distruzione di virus e batteri.

Se le temperature elevate sono deleterie per i microbi, è anche vero che rendono difficile la vita alle cellule provocando uno stato di malessere. Nell’uomo, infatti, la temperatura è programmata per variare nell’intervallo tra 36,5 e 37,5 °C.

C’è febbre e febbre

Dato che la febbre ha lo scopo di creare condizioni sfavorevoli alla vita di virus e batteri, se non causa toppi disagi non è opportuno contrastarla nel corso di una malattia infettiva, soprattutto quando non supera i 38 °C.

Proprio per questo, fino a tali livelli di temperatura si parla di febbricola, mentre si definisce febbre lieve quando la temperatura oscilla tra i 38,1 e i 38,5. Mentre è moderata quando il livello non supera i 39 ed elevata quando tocca i 39,5.

Oltre questa temperatura e fino ai 41 °C, la febbre si può considerare alta (il termine tecnico è iperpiressia), superiore ai 41° è molto alta (iperpiressia estrema).

Non bisogna dimenticare, comunque, che ogni persona ha variazioni giornaliere della temperatura di mezzo grado, in più o in meno, e che l’aumento è influenzato anche dall’esercizio fisico, dall’alimentazione e dalla temperatura esterna.

Infine, nei bambini la temperatura è più elevata rispetto agli adulti.

Pubblicità

Come si misura

I medici, soprattutto i pediatri, suggeriscono di utilizzare gli antipiretici quando la temperatura supera i 38,5 °C. È fondamentale, però, imparare a misurare accuratamente la temperatura e, soprattutto, distinguere tra temperatura interna ed esterna, a seconda del metodo che si utilizza per misurarla.

La prima, di solito, è superiore di mezzo grado rispetto alla seconda. Si può parlare di febbre quando la temperatura corporea supera i 37 se misurata per via cutanea - ossia ascellare o inguinale - o i 37,5 quando misurata per via rettale od orale.

Messo al bando dall’Unione Europea il vecchio termometro al mercurio, a causa della tossicità del metallo, si può scegliere tra una serie di misuratori elettronici d’ultima generazione: digitali, a galinstan, a raggi infrarossi (auricolare e frontale).

  • Digitali. Infrangibili, impermeabili e veloci: la temperatura viene visualizzata sul display in meno di due minuti. Possono essere utilizzati per via ascellare, inguinale, orale e rettale, se dotati di sonda flessibile.
  • A galinstan. Somigliano al vecchio termometro al mercurio, ma contengono una lega di gallio, indio e stagno. La misurazione è accurata e può essere rilevata in tre minuti per via ascellare, inguinale orale e rettale.
  • A raggi infrarossi. Il segreto sta in uno speciale sensore, che misura il calore irradiato dal corpo sotto forma di raggi infrarossi. Il modello auricolare, dalla forma a cono, deve essere inserito nel condotto uditivo esterno: la temperatura è considerata normale quando oscilla tra i 36 e i 38 °C. Quello frontale senza contatto, invece, rileva la temperatura della fronte a distanza grazie a un puntatore ottico. Entrambi i modelli sono particolarmente adatti ai bambini.

Dove misurare la temperatura

La misurazione ideale per i neonati è quella rettale: è attendibile, precisa e ha il vantaggio di essere abbastanza veloce. Naturalmente, la punta del termometro deve essere ricoperta con un gel lubrificante.

Quando il bambino inizia a crescere, si può optare per la misurazione orale: si appoggia bene il termometro sotto la lingua o tra le gengive e la guancia e si attende per 2-3 minuti. In entrambi i casi, si tratta di temperatura interna, a cui bisogna sottrarre mezzo grado per avere il livello corretto.

Gli adulti, invece, possono procedere con la misurazione cutanea, ascellare o inguinale: il termometro deve rimanere a stretto contatto con la pelle perfettamente asciutta per un tempo variabile dai 3 ai 5 minuti.

Consigli pratici

E per essere il più accurati possibile, ecco alcuni consigli utili: misurate la temperatura in condizioni costanti, ossia con lo stesso termometro, nello stesso posto e, possibilmente, alla stessa ora: gli orari più indicati sono al risveglio mattutino e al tardo pomeriggio.

Evitate di misurare la temperatura alla sera, perché in genere è più alta di un grado; vicino ai pasti o dopo avere bevuto liquidi molto caldi o freddi (in questi caso, lasciare trascorrere almeno mezz’ora); dopo avere fumato o dopo l’esercizio fisico.

Sveva Salvini

VIDEO

La febbre va abbassata sempre, anche se è poca?

Abbassare poca febbre

La febbre è un sintomo che può derivare da molteplici condizioni. Non sempre è necessario abbassarla, ma se ne deve prima identificare la causa.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su