Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 7 minuti
Febbre misurare

Febbre: misurala bene

Sotto l'ascella o sulla fronte? Ecco come conoscere in modo preciso la temperatura corporea.

Sotto l’ascella, con i termometri classici, oppure sulla fronte con quelli a cristalli liquidi? Ecco tutti i metodi per misurare correttamente la febbre e interpretare i dati di temperatura.

La febbre è uno dei meccanismi che il nostro organismo mette in atto per accelerare le reazioni che portano alla distruzione di virus e batteri.

Se le temperature elevate sono deleterie per i microbi, è anche vero che rendono difficile la vita alle cellule provocando uno stato di malessere. Nell’uomo, infatti, la temperatura è programmata per variare nell’intervallo tra 36,5 e 37,5 °C.

C’è febbre e febbre

Dato che la febbre ha lo scopo di creare condizioni sfavorevoli alla vita di virus e batteri, se non causa toppi disagi non è opportuno contrastarla nel corso di una malattia infettiva, soprattutto quando non supera i 38 °C.

Proprio per questo, fino a tali livelli di temperatura si parla di febbricola, mentre si definisce febbre lieve quando la temperatura oscilla tra i 38,1 e i 38,5. Mentre è moderata quando il livello non supera i 39 ed elevata quando tocca i 39,5.

Oltre questa temperatura e fino ai 41 °C, la febbre si può considerare alta (il termine tecnico è iperpiressia), superiore ai 41° è molto alta (iperpiressia estrema).

Non bisogna dimenticare, comunque, che ogni persona ha variazioni giornaliere della temperatura di mezzo grado, in più o in meno, e che l’aumento è influenzato anche dall’esercizio fisico, dall’alimentazione e dalla temperatura esterna.

Infine, nei bambini la temperatura è più elevata rispetto agli adulti.

Pubblicità

Come si misura

I medici, soprattutto i pediatri, suggeriscono di utilizzare gli antipiretici quando la temperatura supera i 38,5 °C. È fondamentale, però, imparare a misurare accuratamente la temperatura e, soprattutto, distinguere tra temperatura interna ed esterna, a seconda del metodo che si utilizza per misurarla.

La prima, di solito, è superiore di mezzo grado rispetto alla seconda. Si può parlare di febbre quando la temperatura corporea supera i 37 se misurata per via cutanea - ossia ascellare o inguinale - o i 37,5 quando misurata per via rettale od orale.

Messo al bando dall’Unione Europea il vecchio termometro al mercurio, a causa della tossicità del metallo, si può scegliere tra una serie di misuratori elettronici d’ultima generazione: digitali, a galinstan, a raggi infrarossi (auricolare e frontale).

Tipo di termometro
Caratteristiche
Via di misurazione
Digitale

Infrangibili, impermeabili e veloci

La temperatura viene visualizzata sul display in meno di due minuti

Ascellare

Inguinale

Orale

Rettale (se dotati di sonda flessibile)

A galinstan

Simili al vecchio termometro al mercurio,
ma contengono una lega di gallio, indio e stagno

Misurazione accurata e rilevata in tre minuti

Ascellare

Inguinale

Orale

Rettale
A raggi infrarossi

Dotati di sensore che misura il calore irradiato dal corpo sotto forma di raggi infrarossi.

Particolarmente adatto ai bambini

Auricolare

Frontale

Per quanto riguarda in particolare quelli a raggi infrarossi, ne esistono diversi modelli. Quello auricolare, dalla forma a cono, deve essere inserito nel condotto uditivo esterno: la temperatura è considerata normale quando oscilla tra i 36 e i 38 °C. Quello frontale senza contatto, invece, rileva la temperatura della fronte a distanza grazie a un puntatore ottico. 

Dove misurare la temperatura

La misurazione ideale per i neonati è quella rettale: è attendibile, precisa e ha il vantaggio di essere abbastanza veloce. Naturalmente, la punta del termometro deve essere ricoperta con un gel lubrificante.

Quando il bambino inizia a crescere, si può optare per la misurazione orale: si appoggia bene il termometro sotto la lingua o tra le gengive e la guancia e si attende per 2-3 minuti. In entrambi i casi, si tratta di temperatura interna, a cui bisogna sottrarre mezzo grado per avere il livello corretto.

Gli adulti, invece, possono procedere con la misurazione cutanea, ascellare o inguinale: il termometro deve rimanere a stretto contatto con la pelle perfettamente asciutta per un tempo variabile dai 3 ai 5 minuti.

Consigli pratici

E per essere il più accurati possibile, ecco alcuni consigli utili: misurate la temperatura in condizioni costanti, ossia con lo stesso termometro, nello stesso posto e, possibilmente, alla stessa ora: gli orari più indicati sono al risveglio mattutino e al tardo pomeriggio.

Evitate di misurare la temperatura alla sera, perché in genere è più alta di un grado; vicino ai pasti o dopo avere bevuto liquidi molto caldi o freddi (in questi caso, lasciare trascorrere almeno mezz’ora); dopo avere fumato o dopo l’esercizio fisico.

A cura della redazione 

TAG
VIDEO

La febbre va abbassata sempre, anche se è poca?

Abbassare poca febbre

La febbre è un sintomo che può derivare da molteplici condizioni. Non sempre è necessario abbassarla, ma se ne deve prima identificare la causa.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su