Cause della febbre e rimedi

È un aumento anomalo della temperatura corporea. Ecco come tenerla a bada.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Febbre cause rimedi terapie

Che cos’è la febbre

La febbre è un aumento anomalo della temperatura corporea. Questa in genere varia a seconda della persona tra i 36,2 °C e i 37,2 °C, e oscilla nel corso della giornata con un minimo intorno alle 4 del mattino e un massimo intorno alle 18.

Fluttuazioni della temperatura si hanno anche in relazione alla digestione, ad attività fisica e, nelle donne, al ciclo mestruale. Per questo la temperatura va misurata a riposo, almeno mezz'ora dopo uno sforzo fisico e possibilmente non durante la digestione.

La febbre è chiamata febbricola se non supera i 38 °C, lieve o moderata se è compresa fra i 38 e i 39 °C; è invece considerata elevata oltre i 39 °C.

Per misurarla in modo corretto leggi questo articolo.

Cause della febbre

La febbre di per sé non è una malattia, ma un sintomo, dovuto a un'infezione o, più in generale, a un’infiammazione. Questa provoca il rilascio di particolari sostanze che stimolano il centro di regolazione della temperatura, che si trova nel cervello, ad alzare la temperatura.

L'aumento della temperatura consente sia una maggiore attività del sistema immunitario, sia una minore proliferazione dei microrganismi invasori, che si moltiplicano con difficoltà a una temperatura superiore ai 37 °C.

Sintomi della febbre

Per aumentare la temperatura all'interno del corpo l'organismo abbassa la dispersione di calore riducendo il flusso sanguigno che irrora la cute (pallore), provoca delle vibrazioni muscolari involontarie (brividi), e aumenta la frequenza cardiaca.

Le sostanze che stimolano l’aumento di temperatura hanno anche la capacità di aumentare le sensazioni dolorifiche, provocando i classici dolori muscolari e il mal di testa, che solitamente accompagnano la febbre, insieme con l'inappetenza o la nausea e il malessere generale.

Complicazioni della febbre

Quando la febbre è particolarmente elevata possono presentarsi stati di delirio e, soprattutto nei bambini, convulsioni.

In questi casi è necessario abbassare rapidamente la temperatura sia con il ricorso ad antifebbrili sia con spugnature di acqua fredda o alcol.

Le cure della febbre

Se la febbre non è elevata, la terapia migliore è il riposo unito a un’abbondante assunzione di liquidi, e il consumo di pasti facilmente digeribili.

Dato che la febbre rappresenta una difesa naturale dell'organismo l'assunzione di farmaci antipiretici andrebbe riservata ai casi di febbre elevata o in presenza di indicazioni specifiche da parte del medico.

I principali antipiretici sono l'acido acetilsalicilico, il paracetamolo, l'ibuprofene, il ketoprofene, il naprossene e il diclofenac.

Gli antibiotici non hanno un'azione diretta sulla febbre, ma possono abbassarla se questa è provocata da un'infezione batterica, mentre nel caso di un'infezione virale non hanno alcun effetto. Vanno sempre assunti soltanto su prescrizione medica.

Quando consultare il medico

Se dopo un paio di giorni la febbre non tende a diminuire, è opportuno rivolgersi al medico il quale potrà prescrivere gli accertamenti adatti a identificare la causa della febbre stessa per impostare la cura appropriata.

VIDEO

La febbre va abbassata sempre, anche se è poca?

Abbassare poca febbre

La febbre è un sintomo che può derivare da molteplici condizioni. Non sempre è necessario abbassarla, ma se ne deve prima identificare la causa.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Influenza, i vantaggi della corteccia del salice

  • Fotolia 49584851 s

    Antinfiammatori, molecole dalle mille virtù

    Sono molti i disturbi che accompagnano i malanni invernali, ma possiamo tenerli a bada tutti affidandoci a un antinfiammatorio non steroideo (Fans), come per esempio l’acido acetilsalicilico scoperto, già nell’antichità, nella corteccia del salice da cui prende il nome. Grazie all’inibizione della ciclossigenasi riduce la produzione di prostaglandine coinvolte nella comparsa di febbre, infiammazione e dolore.

  • Fotolia 20197114 s

    Quando la febbre ci abbatte

    Il rialzo della temperatura corporea è una reazione che il nostro organismo mette in atto per difendersi dalle aggressioni di virus e batteri. Ma quando sale troppo, però, causa molti disagi. La riduzione di prostaglandine mediata dai Fans, come per esempio l’acido acetilsalicilico, agisce sui centri ipotalamici della termoregolazione abbassando in breve tempo la febbre.

  • Fotolia 20193853 s

    Quei dolori diffusi misti a malessere

    È esperienza comune che durante l’influenza ci si senta “tutti rotti”. L’attivazione dei nostri sistemi di difesa dalle infezioni causa infatti il rilascio di sostanze che inducono infiammazione anche nei tessuti muscoloscheletrici. Ecco perché i Fans, con la loro attività antinfiammatoria, alleviano efficacemente anche i dolori muscolari.

  • Fotolia 55751882 s

    Non lasciamoci prendere per il naso

    A seguito di un’infezione delle vie respiratorie si ha un aumento dei mediatori dell’infiammazione nelle mucose, che si traduce in una congestione nasale e nella produzione di muco. La spiccata azione antinfiammatoria dei Fans è utile anche in questo caso: aiuta a ridurre la congestione e a evitare che l’infiammazione si estenda ai seni paranasali e alla gola.

  • Fotolia 38391794 xs

    Se a far male è la gola

    Può essere stato l’abbondante muco che cola di continuo nella gola oppure uno sbalzo di temperatura che ha favorito un’infezione, o ancora un’irritazione dovuta ad agenti esterni. Fatto sta che quando la gola brucia, si fa fatica a deglutire e anche a parlare si vorrebbe che il dolore passasse in un soffio. Anche in questo caso l’acido acetilsalicilico è in grado di ridurre infiammazione e dolore alla gola.

  • Fotolia 52131918 s

    Quell’odioso cerchio alla testa

    A volte è proprio la febbre a causare cefalea, altre volte compare per l’infiammazione dei seni paranasali, ma può insorgere anche per stanchezza, stress, e per mille altre cause. In ogni caso, l’acido acetilsalicilico oltre ad abbassare la febbre e ridurre l’infiammazione ha anche un effetto antidolorifico, che risulta assai utile per spegnere in fretta il mal di testa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su