Farmaci e influenza: le cose da sapere

Gli antibiotici non servono a nulla. Ecco quali farmaci prendere per guarire presto.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
antinfluenzali, malanni invernali, febbre

A causarla è sempre un virus, per questo gli antibiotici non servono a nulla. Ecco invece come comportarsi e quali farmaci prendere per guarire presto.

Non ci si può sbagliare: la febbre insorge bruscamente, e s’impenna oltre i 38 °C. E poi c’è quel senso di spossatezza, la sensazione di essere tutti rotti e la testa pesante. Ci siamo presi l’influenza.

Di solito passa nel giro di una settimana, ma spesso lascia strascichi che possono perdurare anche una ventina di giorni. Per superare al meglio l’infezione possiamo mettere in atto alcuni comportamenti vincenti e affidarci ai farmaci giusti.

Riposo e liquidi a volontà

Inutile pensare di poter continuare la propria vita di tutti i giorni: non faremmo che prolungare l’inevitabile sequela di sintomi che si accompagnano all’infezione. Alle prime avvisaglie di influenza, quindi, la miglior strategia prevede il riposo.

Stando a casa al calduccio per qualche giorno e affaticandoci il meno possibile risparmiamo le energie necessarie al nostro organismo per combattere la sua battaglia contro i virus invasori.

Ricordiamoci di bere molto, soprattutto se la febbre è elevata e ci fa sudare: acqua, centrifugati di verdura, frullati, tè aiutano a mantenere la giusta idratazione e, grazie a vitamine e antiossidanti, danno una mano al sistema immunitario.

E poi, non sovraccarichiamo la digestione: facciamo pasti leggeri, ma che contengano proteine, indispensabili per produrre gli anticorpi.

Tenere a bada i sintomi con farmaci da banco

Per attenuare i disturbi correlati con l’infezione, soprattutto per abbassare la febbre quando è troppo elevata e alleviare quei dolori che ci fanno sentire tutti rotti affidiamoci, in prima battuta, all’automedicazione.

Sono gli antinfiammatori che possiamo acquistare in farmacia autonomamente, senza la ricetta del medico, quali acido acetilsalicilico (Asa), paracetamolo, ibuprofene. Da utilizzare con buonsenso e responsabilità.

Se non ci sono controindicazioni, come per esempio ipersensibilità o allergia ai Fans, disturbi gastrici o gravi difetti della coagulazione, sopra i 16 anni di età l’uso di acido acetilsalicilico (Asa), meglio se insieme con la vitamina C, ci permetterà di abbassare la febbre e stare meglio.

Per i bambini e i ragazzi più giovani è meglio invece rivolgersi al paracetamolo o all’ibuprofene, e comunque sarebbe sempre opportuno consultare prima il pediatra.

Dosaggi corretti e uso limitato nel tempo

Importante è, comunque, utilizzare dosaggi commisurati alla gravità dei disturbi e per un periodo limitato.

In questo modo si riduce la probabilità che insorgano eventuali effetti indesiderati e, nel medesimo tempo, si attenuano i sintomi senza azzerarli completamente, permettendoci di valutare l’andamento dell’infezione.

Quando malessere e dolori sono intensi e la febbre è elevata è consigliabile assumere due compresse da 500 mg di acido acetilsalicilico (o di paracetamolo) ogni 6-8 ore, mentre se i sintomi sono più blandi può bastarne una.

Con l’avvertenza di assumere sempre le pastiglie a stomaco pieno: basta mangiare prima anche solo un po’ di pane o qualche biscotto.

Se la temperatura non supera i 38 gradi e il disagio non è troppo intenso è sicuramente preferibile non ricorrere ad alcun farmaco, lasciando che l’infezione si risolva da sola.

In ogni caso, se dopo 4-5 giorni i sintomi non si attenuano o addirittura peggiorano, meglio rivolgersi al medico: potrebbero essere intervenute sovrainfezioni o complicazioni che vanno curate in modo appropriato.

Antibiotici solo se prescritti dal medico

È sempre utile ricordare che nell’influenza, come in tutte le altre sindromi respiratorie invernali, la causa prima è un virus. Solo in un secondo tempo possono subentrare infezioni batteriche perché i virus, specie quelli influenzali, abbassano le nostre difese immunitarie.

A meno di casi particolari, quindi, in prima battuta l’antibiotico non solo non serve, ma è anche controproducente.

Gli antibiotici sono in grado di combattere i batteri, ma non hanno alcuna azione contro i virus, né abbassano la febbre o alleviano i sintomi influenzali. In compenso, debilitano l’organismo, riducendo le possibilità di eliminare i virus e, quindi, di guarire in fretta.

Inoltre, un loro uso eccessivo può favorire anche lo sviluppo di ceppi batterici resistenti agli antibiotici stessi, rendendoli quindi inefficaci in caso di successive infezioni, proprio quando invece servirebbero.

Nicoletta Limido

VIDEO

Influenza e raffreddore: leggende metropolitane e verità scientifiche

Influenza raffreddore miti realta

Per preveire l'influenza basta coprirsi bene? E un bicchierino di superalcolico fa passare prima il raffreddore? Ecco il parere di Aurelio Sessa, medico di Medicina generale e presidente della Simg Lombardia.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sette trucchi per scansare l'influenza

  • Influenza aria aperta

    Esci di più all'aria aperta

    La leggenda secondo cui in inverno è meglio stare il più possibile al chiuso è falsa: negli ambienti ristretti, soprattutto se molto riscaldati, è più probabile ritrovarsi a stretto contatto con qualcuno che ha già preso l’influenza, e passarvi il virus. Stare all’aria aperta, soprattutto facendo delle passeggiate, riduce il rischio contagio e fa bene alla salute in generale.

  • Influenza stress

    Tieni alla larga lo stress

    Ritagliarsi momenti per rilassarsi un po' fa bene alla psiche, ma soprattutto rinforza le difese immunitarie. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che se l’organismo è stressato, i virus dell’influenza hanno maggiori probabilità di infettare e replicarsi. Quale tecnica adottare? Quella che piace di più, a seconda dei gusti: lo yoga, la ginnastica, leggere un libro, un massaggio, fare una passeggiata. L’importante è tenere alla larga lo stress. E assieme a lui, i virus influenzali.

  • Influenza lavarsi le mani

    Lava le mani appena puoi

    Le mani sono il mezzo preferito dai virus del raffreddore e dell’influenza per diffondersi. Senza che ce ne accorgiamo, stringiamo le mani di qualcuno, apriamo una porta, ci appoggiamo a una sedia. Se qualcuno prima di noi ha toccato la stessa superficie ed è influenzato il gioco è fatto. Lavarsi le mani spesso e con accuratezza evita il diffondersi dei virus e riduce il rischio di ammalarsi.

  • Influenza sonno

    Chi dorme bene non piglia… l’influenza

    Una notte in bianco non è un dramma. Ma se la mancanza di sonno dura per più giorni il nostro sistema immunitario comincia a perdere colpi. In questa stagione è opportuno dormire almeno sette ore per notte, così da dare il tempo all’organismo di rigenerarsi dalle fatiche della giornata ed essere in grado di fronteggiare con successo i germi responsabili dei malanni invernali.

  • Influenza dieta

    Mangia in modo sano

    L’influenza si previene anche a tavola. Frutta e verdura di stagione sono fonti preziose di vitamine antiossidanti e sali minerali essenziali al buon funzionamento delle difese naturali dell’organismo. Legumi e cereali sono invece un ottimo rifornimento di proteine, anch’esse importanti perché alcuni aminoacidi contribuiscono alla sintesi degli anticorpi. In questa stagione è bene non sottovalutare anche la quota di carboidrati, pasta e pane per intenderci. Un po’ di calorie in più aiutano infatti l’organismo a rinforzare le sue difese naturali.

  • Influenza sport

    Fai attività fisica regolare

    È ormai dimostrato in diversi studi: un’attività fisica moderata, ma regolare, abbassa il rischio di buscarsi l’influenza. Una ricerca pubblicata sul British Journal of Sports Medicine, per esempio, ha scoperto che chi è fisicamente attivo almeno cinque giorni alla settimana ha una probabilità di prendere l’influenza e il raffreddore quasi dimezzata rispetto a chi lo è soltanto una volta alla settimana.

  • Influenza virus occhi

    Tieni giù le mani

    Spesso non ci si fa caso, ma tendiamo con una certa frequenza a portare le mani al viso. Siccome le tre principali vie d’accesso dei virus nel nostro organismo sono il naso, gli occhi e la bocca, è altamente sconsigliabile toccare queste parti del corpo senza prima aver lavato accuratamente le mani. Il problema è che a volte lo si fa senza accorgersi. Basta sforzarsi di dedicare un po’ di attenzione ai proprio movimenti involontari per ridurre parecchio il rischio di contagio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI FARMACI
Torna su