Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dosaggio di pancrelipasi dopo resezione pancreatica"

Mia moglie ha subito una resezione pancreatica "testa e corpo" per una neoplasia, che per fortuna non c'era. Durante i pasti assume pancrelipasi 10000 U.Ph.Eur., per un totale di 5 capsule giornaliere, come disposto in ospedale alla dimissione. Ora, dopo una vista effettuata da altro specialista le dosi sono state aumentate a 30 capsule al giorno. È possibile sapere quale sarebbe il dosaggio ideale, in assenza di produzione di enzimi pancreatici come nel caso di mia moglie?

La somministrazione di enzimi pancreatici è indicata nel trattamento delle insufficienze pancreatiche esocrine causate da fibrosi cistica, pancreatite cronica, pancreasectomia. La posologia va adattata in base alle necessità e dipende dalla gravità della malattia e dalla composizione della dieta. Si parte con bassi dosaggi a ogni pasto, spuntini compresi, e si aumenta gradualmente in base alla quantità e al contenuto in grassi del pasto. L’indicazione è di mantenere un dosaggio di circa 8.000-10.000 unità di lipasi per kg di peso corporeo al giorno, all’incirca 2.000-2.500 unità per kg di peso corporeo per pasto. Da tenere in considerazioni gli effetti indesiderati del sovradosaggio, la stipsi e dolori addominali.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su