Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diventare vegetariane in gravidanza"

Sono al quarto mese di gestazione e da circa un mese seguo un tipo di alimentazione vegetariana, fatta di verdure, latte di soia e prodotti caseari. Volevo sapere se devo assumere degli integratori di vitamina B12.

La gravidanza è un periodo fisiologico della vita di una donna molto importante dal punto di vista della nutrizione perché il nutrimento deve bastare per la conservazione della salute della donna e per la giusta evoluzione del feto. Dunque, è bene ricordare che durante la gravidanza non si devono fare modificazioni restrittive della dieta abituale, se non per tenere sotto controllo il peso, comunque mai senza la consultazione del proprio medico e dello specialista che segue la gestazione. Adottare il regime vegetariano proprio in gravidanza è, quindi, un grosso sbaglio, poiché, come provato da diverse ricerche, il regime vegetariano crea scompensi del patrimonio di riserva nell’organismo specie per ciò che riguarda minerali (calcio e ferro) e vitamine (B6 e B12). Per quanto riguarda il latte di soia, si ricordi che si tratta di una bevanda ben lontana dal possedere le caratteristiche nutritive del latte vaccino (di mucca). Quanto alle reintegrazioni, se proprio non intende ritornare a una dieta onnivora (mangiare di tutto), è sempre bene farsi consigliare dal medico e controllare periodicamente gli esami di laboratorio per poter verificare eventuali carenze da reintegrare in maniera mirata.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su