Pubblicità

Dieta mediterranea, elisir di lunga vita

Ecco cosa dice la scienza ufficiale sulla dieta mediterranea.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Dieta mediterranea, elisir di lunga vita

Il cibo è al contempo veicolo di benessere e tramite con il mondo che ci circonda: lo sappiamo da secoli, anche se negli ultimi anni lo abbiamo un po’ dimenticato.

Anche dalla scienza medica ufficiale, da alcuni anni, considera le scelte alimentari uno dei fattori che possono incidere in modo sostanziale sulla salute, favorendo l’insorgere di alcune malattie o, al contrario, proteggendoci.

Sotto la spinta dei dati sempre più preoccupanti sulla diffusione di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e tumori, si sono moltiplicati gli studi che hanno preso in esame la dieta mediterranea, mettendola in relazione con il rischio di sviluppare tali patologie.

Perché tanto interesse la dieta dei nostri nonni? Il motivo principale è che in questo regime alimentare sono ben rappresentati tutti i cibi ritenuti più “protettivi” e sono poco presenti, invece, quelli possibilmente “pericolosi”.

Frutta, ortaggi, legumi e cereali in discrete quantità, frutta secca e semi oleosi, condimenti a basso contenuto di grassi saturi (olio di oliva), ridotte quantità di proteine di origine animale e un consumo moderato di alcolici (un po’ di vino durante i pasti).

Sono questi gli “ingredienti” essenziali della dieta mediterranea. Nel 2008 un gruppo di ricercatori italiani dell’Università di Firenze ha passato in rassegna tutti i lavori scientifici che nei quarant’anni precedenti avevano studiato il rapporto tra alimentazione, mortalità e incidenza di malattie.

Hanno così potuto scoprire che i soggetti più assidui nel seguire una dieta di tipo mediterraneo erano i più longevi, avevano un rischio ridotto di morire per disturbi cardiovascolari o per tumore, nonché di sviluppare malattie degenerative del cervello quali il Parkinson e Alzheimer.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Negli anni successivi altre ricerche hanno fornito ulteriori conferme. In particolare uno studio che ha seguito le storie cliniche di oltre 120.000 donne statunitensi per più di vent’anni (Nurses’ Health Study), raccogliendo al contempo informazioni sugli stili di vita, nel quale si sono riscontrati in associazione con abitudini alimentari più vicine a quelle mediterranee, meno casi di infarto del miocardio e di ictus cerebrale.

A conclusioni simili sono giunti per quanto riguarda la mortalità in generale, le malattie cardiovascolari, il diabete e il cancro, diversi altri studi condotti su soggetti di entrambi i sessi e anche in popolazioni europee.

Mantiene giovane il DNA

Uno studio pubblicato di recente ha indagato quali possono essere i meccanismi fisiologici alla base degli effetti positivi della dieta mediterranea.

Sempre nell’ambito del Nurses’ Health Study è stato isolato un gruppo di 4.676 donne alle quali è stato prelevato un campione di sangue: nei globuli bianchi sono stati analizzati le sequenze di Dna situate alle estremità dei cromosomi, i telomeri, le cui caratteristiche sono da tempo state messe in relazione con i processi di invecchiamento delle cellule.

Con l’avanzare dell’età i telomeri subiscono normalmente un graduale accorciamento, che può essere accelerato quando nell’organismo vi sono alte concentrazioni di molecole ossidanti (i radicali liberi).

Più è rapido l’accorciamento dei telomeri minore risulta l’aspettativa di vita e maggiore è il rischio di sviluppare malattie croniche.

Si è visto anche che in alcuni individui l’accorciamento dei telomeri avviene a ritmo più lento indipendentemente dall’età cronologica, e ciò ha fatto supporre che vi sia una variabilità individuale nel ritmo di invecchiamento delle cellule, probabilmente legata in parte a differenze genetiche e a condizioni di minore stress ossidativo.

Dallo studio americano è emerso infine che le cellule delle donne più scrupolose nel seguire un’alimentazione mediterranea avevano telomeri più lunghi.

L’ipotesi che i ricercatori hanno avanzato per spiegare tale risultato è che a “mantenere giovani” i telomeri possa contribuire l’alta concentrazione di sostanze antiossidanti presente proprio nei cibi mediterranei.

VIDEO

I sali minerali da tenere d'occhio in estate

Albertomartina

Facile andare in riserva di minerali durante l'estate. Ne parliamo con Alberto Martina, medico ed esperto di nutrizione.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI ALIMENTAZIONE
Torna su