Dieta del pomodoro

Un alimento dalle innumerevoli proprietà benefiche e dal bassissimo contenuto calorico.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
Dieta pomodoro dimagrire

Che cos’è

La dieta del pomodoro non è una classica dieta ipocalorica. È più che altro un’indicazione generale che si basa sulle note proprietà benefiche di questo ortaggio e sul suo basso contenuto di calorie.

Perché il pomodoro Considerato da molti il re della dieta mediterranea, il pomodoro è un valido alleato di chi vuole dimagrire.

Alcune ricerche hanno evidenziato che un regime dietetico ideale per chi vuole dimagrire dovrebbe prevedere alimenti con una “densità energetica”, cioè la quantità di calorie per quantità di cibo, inferiore a 100 calorie per 100 grammi.

Basta sapere che il pomodoro ha meno di 20 calorie per 100 grammi per rendersi conto di quanto può essere utile nelle diete dimagranti. Anche perché possiede la capacità di stimolare più in fretta il senso di sazietà, facendoci quindi mangiare di meno

Benefici e rischi

Il pomodoro, oltre a essere ipocalorico, è anche ricchissimo di fibre e acqua, utilissime in estate.

L'acqua rappresenta infatti il 95 per cento del totale e quindi questo ortaggio, favorendo la diuresi, è ideale per combattere la ritenzione idrica.

Inoltre è ricchissimo di vitamine antiossidanti e di licopene: quest’ultimo ha dimostrato, in diversi studi scientifici, di avere proprietà protettive nei confronti dei vasi sanguigni. In pratica previene le patologie cardiovascolari.

I benefici antiossidanti dei licopeni, secondo vari studi, interessano anche la pelle. Sembra infatti che, proprio grazie alle sue proprietà, questa molecola preservi dai fenomeni di invecchiamento cutaneo.

Attenzione però: come la patata, la melanzana e il peperone, questo ortaggio fa parte della famiglia delle Solanacee e quindi contiene, seppure in concentrazioni estremamente variabili, la solanina, un alcaloide che per alcune persone risulta poco tollerato.

Una dieta con grandi quantità di pomodoro, inoltre, andrebbe evitata da chi soffre di iperacidità di stomaco o di reflusso gastroesofageo, perché stimola la secrezione di acido cloridrico nello stomaco e potrebbe aggravare i sintomi.

Licopeni più attivi da cotti

A differenza poi di altre sostanze antiossidanti, che in genere perdono in tutto o in parte le loro proprietà con la cottura degli alimenti, il licopene aumenta la sua attività con il calore.

Per questo la salsa di pomodoro è considerata la miglior fonte di licopene, superiore addirittura al pomodoro crudo.

Perché i pomodori di Pachino sono così buoni? Ecco la risposta.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pgatti Patrizia Maria Gatti
Specialista in Scienza dell’Alimentazione

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Multivitaminici o integratori con una sola vitamina: quale scegliere?

Integratori multivitaminici

Scopri come orientarti nel mondo degli integratori vitaminici.

LEGGI TUTTO
Fotogallery

A cosa servono le vitamine

  • Fotolia 45581482 s

    Vitamina A

    Fondamentale per la vista, una sua eventuale carenza comporterebbe problemi agli occhi. Ma non solo: è anche un potente antiossidante ed è dotata di proprietà antinfiammatorie. Secondo una ricerca pubblicata su Neuroscience, la vitamina A sembra essere coinvolta anche nei processi cerebrali di apprendimento e memoria, dal momento che agisce su alcune cellule dell’ippocampo deputate a queste funzioni.

  • Fotolia 47832258 s

    Vitamine del gruppo B

    L’unione fa la forza: se prese tutte assieme, le vitamine del gruppo B danno una grossa mano soprattutto agli studenti. Oltre a partecipare alle reazioni a cui vanno incontro i nutrienti per essere trasformati in energia, infatti, sono coinvolte a vari livelli nei processi cognitivi, come l’apprendimento, la memoria e la capacità di concentrazione.

  • Fotolia 46625196 s

    Vitamina B9 (acido folico)

    È la vitamina delle future mamme: se è in arrivo un bebè è importante che la donna assuma un integratore a base di acido folico, per prevenire la spina bifida nel figlio. Oltre a ciò, l’acido folico lavora in stretta collaborazione con la vitamina B12 nella formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro.

  • Fotolia 46150097 s

    Vitamina C

    Nota soprattutto per le sue proprietà di rinforzo del sistema immunitario, preziosa quindi durante il periodo dei malanni invernali, la vitamina C esercita anche un’azione positiva sulla sintesi di collagene, quindi è in grado di irrobustire i vasi sanguigni, favorire la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantenere sani i denti e le gengive.

  • Fotolia 52142184 s

    Vitamina D

    Essenziale per le ossa e i denti, la vitamina D interviene anche nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, regolandone l'assorbimento intestinale. È prodotta dalla pelle soltanto se esposta alla luce del sole.

  • Fotolia 52034984 s

    Vitamina E

    È un potentissimo antiossidante, quindi protegge i vari tessuti (compresa la pelle) dai danni provocati dai radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento cellulare. Svolge un ruolo importante anche nel rinforzare il sistema immunitario.

  • Fotolia 47387129 s

    Vitamina H (biotina)

    Svolge un ruolo importante nel funzionamento del midollo osseo e nella salute della pelle e soprattutto dei capelli. In più contribuisce alla formazione degli acidi grassi e facilita il metabolismo degli aminoacidi e dei carboidrati.

  • Fotolia 28349527 s

    Vitamina K

    Nota anche vitamina antiemorragica, nel senso che la vitamina K è coinvolta nella coagulazione del sangue: è infatti indispensabile per la normale produzione, a livello del fegato, dei fattori della coagulazione.

  • Fotolia 47508934 s

    Vitamina P (niacina)

    Coinvolta nella regolazione del sistema nervoso (sembra svolgere un ruolo nel controllo dell’ansia) e nel metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. La sua azione più nota è quella di prevenzione nei confronti della pellagra, una malattia legata alla sua carenza un tempo molto diffusa.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DIETA
Torna su