Pubblicità
DA DONNA A DONNA - Ostetricia

Detergenti intimi: come sceglierli in base alle fasi della vita di una donna

Detergenti intimi

La salute genitourinaria della donna passa in primo luogo da una corretta igiene intima. Ciò comporta sia che i lavaggi siano quotidiani, ma non eccessivi, sia che la scelta del detergente intimo rispetti le caratteristiche e la fase della vita in cui si trova la donna e l’eventuale presenza di specifici disturbi. Ecco perché i prodotti per l’igiene intima femminile non devono essere acquistati alla leggera, ma seguendo delle semplici indicazioni. Vediamo quali.

Una delle principali caratteristiche di un detergente intimo è il pH, che deve essere il più possibile simile a quello fisiologico per non alterare la composizione del microbiota vaginale.

In età prepubere, per esempio, è consigliabile un detergente a pH leggermente acido contenente sostanze ad azione emolliente e calmante, come per esempio l’estratto di loto o la camomilla. Inoltre, per mantenere intatta la barriera cutanea, che protegge la mucosa vaginale da irritazioni e dall’aggressione di agenti esterni, è consigliabile che il detergente intimo sia arricchito di lipidi e pantenolo. Infine, è bene evitare prodotti contenenti profumi, coloranti o conservanti, che possono irritare la mucosa.

Lo stesso vale durante la menopausa, in quanto la progressiva riduzione della sintesi di estrogeni causa perdita di elasticità dei tessuti, secchezza vaginale, una maggiore predisposizione a infiammazione e infezioni e un innalzamento del pH, che sale verso valori prossimi alla neutralità (pH 5-6).

Il detergente ideale in questa delicata fase della vita deve quindi rispettare il pH fisiologico, essere delicato e idratante.

Per quanto riguarda invece le donne in età fertile, come anche quelle in dolce attesa, il detergente deve essere caratterizzato da un pH di poco superiore a quello fisiologico, che in assenza di disturbi si attesta tra 3,5 e 4. È utile anche la presenza di acido lattico, sostanza fisiologicamente prodotta dai batteri “buoni” presenti sulla mucosa vaginale, i lattobacilli, che aiuta a mantenere valori di pH ideali per proteggere l’ambiente vaginale dall’aggressione di microrganismi patogeni.

In condizioni di irritazione e fastidi intimi è consigliabile utilizzare un detergente che sia in grado di lenire questi fastidi, ad esempio detergenti a base di glicina , una sostanza in grado di donare sollievo dalle irritazioni grazie alla sua azione lenitiva ed emolliente.

Sabrina Allegra

Invia un suggerimento, fai una domanda.

Ispiraci i prossimi articoli segnalandoci un argomento a cui tieni particolarmente.
Oppure poni le tue domande direttamente alla specialista. Ti risponderà in privato.

Torna su