Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dermatite atopica, rimedi per via orale e locale"

Mia figlia, di 20 anni, soffre di dermatite atopica da anni. Purtroppo abbiamo provato diversi rimedi, ma non abbiamo trovato nulla che riesca a calmare in breve tempo il rossore e il forte prurito. Ci hanno detto che l'olio di borragine potrebbe essere utile, e che sarebbe sia da aggiungere a una crema (ma quale?) da utilizzare localmente, sia da prendere per bocca per un mese almeno. Lei cosa ne pensa? Abbiamo anche preso una pomata alla calendula e iperico: potrebbe andare bene, tenuto conto che le creme alla calendula non avevano sortito alcun effetto? Quale altro consiglio può darci?

L’olio di semi di borragine (Borago officinalis), come quello dei semi di onagro (Oenothera biennis), oppure estratti di elicriso (Helichrysum italicum) o ribes nero (Ribes nigrum), per esempio, possono essere di aiuto somministrati per via orale, per uno più mesi. A livello topico abbiamo numerose altre opzioni fitoterapiche, da adattare al singolo caso, ad esempio: Cardiospermum halicacabum, Mesembryanthemum crystallinum (erba cristallina), Viola tricolor, Althea officinalis (altea o malva bianca), Calendula officinalis, per citare alcune piante relative alla mia esperienza. Nel caso della dermatite atopica bisogna inoltre porre particolare attenzione all’alimentazione, in quanto potrebbe essere provocata da un’allergia ad alcuni cibi.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su