Pubblicità

Denti bianchi

Denti: quali agenti esterni o interni ne modificano il colore e come mantenerli o farli tornare bianchi.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
Denti bianchi sbiancamento dentista

Il colore dei denti

La gradazione di colore dei denti è differente per ogni persona perché determinata geneticamente, e può tendere maggiormente al bianco, al giallo oppure al grigio.

Oltre alle diversità presenti già in origine il colore dei denti può essere modificato dalla presenza di placca e tartaro e di macchie dovute agli alimenti, a malattie o a medicinali.

Che cosa modifica il colore naturale

È possibile che sui denti compaiano macchie “estrinseche”, ossia esterne, dovute alla penetrazione nella struttura dello smalto di pigmenti provenienti dai cibi o bevande.

Il caffè, il tè scuro, il vino rosso, la nicotina e altre sostanze contenute nel fumo di tabacco hanno la capacità di colorare le superfici dentali con cui vengono in contatto, e con il tempo scuriscono visibilmente i denti di chi li consuma frequentemente.

Anche l’utilizzo prolungato di collutori antibatterici contenenti clorexidina può scurire lo smalto in modo molto evidente.

Le modificazioni del colore possono essere dovute anche a macchie “intrinseche”, ossia interne alla struttura del dente, dovute per esempio ad anomalie nella mineralizzazione dello smalto, a un’assunzione eccessiva di fluoro durante l’infanzia (fluorosi), oppure all’uso di farmaci come le tetracicline durante la formazione dei denti permanenti.

Il processo di invecchiamento, infine, scurisce il colore dei denti: con il passare del tempo infatti la dentina, ossia il tessuto osseo che si trova all’interno dello strato di smalto, si ispessisce e tende a ingiallire; poiché lo smalto non ha colore ma lascia trasparire quello della dentina, ne risulta un generale e naturale ingiallimento dei denti con l’avanzare dell’età.

Sbiancamento professionale

Gli studi odontoiatrici oggi dispongono di materiali in grado di schiarire il colore dello smalto agendo in profondità, e ottenendo così risultati positivi sia sulle macchie estrinseche sia su quelle intrinseche.

Si tratta di prodotti a base di perossido d’idrogeno o perossido di carbamide che penetrano nel tessuto duro del dente e agiscono direttamente sulle molecole del pigmento che ne ha scurito il colore; questi prodotti sono utilizzati per lo sbiancamento domiciliare e quello effettuato in studio.

Lo sbiancamento domiciliare è un trattamento della durata di 5/6 giorni: l’odontoiatra prende il calco delle arcate dentarie del paziente per creare mascherine che si adattino alla sua anatomia; queste dovranno essere riempite con gel sbiancante e indossate circa mezz’ora al giorno per ottenere lo sbiancamento.

Lo sbiancamento in studio è un procedimento che si effettua in una sola seduta di un’ora circa: l’azione del gel applicato viene velocizzata dall’esposizione della dentatura alla luce di speciali lampade al plasma, laser o alogene.

Sbiancamento “fai-da-te”

Per schiarire il colore dei denti si possono usare i dentifrici sbiancanti: questi prodotti contengono sostanze abrasive che per sfregamento, interponendosi tra la superficie del dente e le setole dello spazzolino, possono attenuare il colore delle macchie estrinseche, ma non di quelle intrinseche perché non hanno modo di agire all’interno della struttura del dente.

In farmacia è possibile anche acquistare gel contenenti perossidi e mascherine preformate per effettuare lo sbiancamento con prodotti simili a quelli utilizzati negli studi odontoiatrici ma contenenti sostanze in concentrazione minore e quindi con effetto più blando (vedi controindicazioni).

Controindicazioni

Gli interventi sbiancanti con sostanze abrasive non dovrebbero essere realizzati con spazzolini con setole troppo dure: per non erodere lo smalto è bene non esercitare un’azione troppo energica e ricordarsi che spazzolare per due minuti è un tempo sufficiente per la pulizia dei denti.

È consigliabile utilizzare i gel sbiancanti contenti perossido sotto la supervisione dell’odontoiatra, che può verificare prima del loro uso se siano presenti carie o infiammazioni delle gengive e curarle prima di sbiancare i denti.

Anche la presenza di impianti e ponti dovrebbe essere valutata da un professionista perché gli agenti sbiancanti hanno effetti diversi sullo smalto e sugli altri materiali, e il rischio è quello di ottenere denti naturali di colore differente rispetto alle protesi presenti.

I prodotti a base di perossidi non hanno effetti collaterali negativi permanenti: la sensibilità dei denti e l’irritazione gengivale che si possono verificare dopo il trattamento sono transitori, mentre non si verificano danni o indebolimento dello smalto.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Mal di denti: cosa fare in attesa del dentista

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Pedone Maurizio Pedone
Odontoiatra

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

I segreti della carie

Carie dentale

Perché si bucano i denti? Quale ruolo ha l'alimentazione? Ecco i consigli dell'esperto.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI BELLEZZA
Torna su