Pubblicità

Contraccezione post partum

I metodi preferiti dalle donne che hanno già avuto figli sono i sistemi intrauterini (IUS).

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Contraccezione post partum

Già dopo poche settimane dal parto e anche se sta allattando al seno, la donna ritorna gradualmente a essere fertile.

In questa fase, per evitare ulteriori concepimenti involontari e decisamente prematuri è importante individuare con il ginecologo di fiducia un metodo anticoncezionale adeguato alle esigenze della coppia, che potrà poi essere mantenuto a lungo termine.

Un metodo usato in questi casi è la pillola che contiene soltanto il progestinico. Ma se si esclude di voler intraprendere una nuova gravidanza nell’arco dei 3-5 anni successivi, i sistemi contraccettivi affidabili, “rispettosi” della fisiologia della donna e privi di implicazioni sfavorevoli sulle dinamiche di coppia sono rappresentato dalla spirale, nota anche con la sigla IUD, e dai sistemi ormonali intrauterini (IUD).

Vengono applicati dal ginecologo in pochi minuti, che ne controlla il corretto posizionamento con una semplice ecografia. La procedura può causare, in alcune donne, un leggero dolore che non deve preoccupare e che può essere attenuato, se necessario, assumendo un antispastico e/o un comune farmaco antinfiammatori non steroideo (FANS) per 1-2 giorni.

Lo IUS può rimanere in sede fino a cinque anni, offrendo una garanzia anticoncezionale pressoché assoluta. Dopo questo periodo (o anche prima se si desidera intraprendere una gravidanza), può essere rimosso ed eventualmente sostituito con un nuovo sistema ormonale intrauterino.

IUS a rilascio progestinico

Fino a qualche anno fa, gli IUD in commercio esercitavano esclusivamente un’azione anticoncezionale di tipo meccanico, andando a chiudere l’accesso alle tube di Falloppio e impedendo così agli spermatozoi di raggiungere gli ovuli pronti per essere fecondati.

Benché generalmente innocui per la salute della donna, tuttavia, questo tipo di dispositivi, ancora in uso, possono dare alcuni effetti collaterali. I più frequenti riguardano l’aumento del dolore associato alle mestruazioni e un incremento (anche notevole) del flusso mestruale che può promuovere condizioni di anemia. In aggiunta, possono verificarsi perdite e crampi intermestruali.

Il sistema ormonale intrauterino (IUS), invece, oltre a garantire un'elevata aderenza al trattamento, rispetto ai dispositivi "classici" riduce il flusso mestruale e i dolori associati al ciclo. Inoltre, grazie alla presenza del progestinico, svolge un effetto protettivo per la donna, per esempio nei confronti delle infezioni pelviche.

Lo IUS infatti rilascia costantemente piccolissime quantità di un ormone progestinico (levonorgestrel), che contribuisce a ottimizzare l’azione contraccettiva. La liberazione locale del progestinico favorisce la normalizzazione del flusso mestruale e ad attenuare le contrazioni uterine, senza indurre fastidi su altri fronti.

Una valida alternativa alla pillola

Lo IUS è una soluzione anticoncezionale ideale per tutte le donne che vogliono una contraccezione a lungo termine e che, nel contempo, non intendono rinunciare a una vita di coppia serena e “naturale”. Con il vantaggio poi di un ripristino immediato della fertilità una volta rimosso il sistema ormonale intrauterino.

Nelle neomamme, lo IUS può essere applicato a partire da 4-6 settimane dopo la nascita del bambino o secondo il giudizio del ginecologo, in funzione delle modalità con le quali è avvenuto il parto.

Idealmente, lo IUS deve essere inserito durante i giorni del flusso mestruale oppure subito dopo.

Andrea Carlini

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Arisi1 Emilio Arisi
Ginecologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

Fotogallery

Le cinque cose da sapere sui contraccettivi

  • Preservativo fotogallery

    Doppia protezione con il preservativo

    Agisce impedendo l’ingresso degli spermatozoi negli organi riproduttivi femminili ed evitando così l’incontro tra ovulo e spermatozoi. In questo modo il preservativo riduce il rischio di gravidanze, ma al contempo protegge anche dalle malattie a trasmissione sessuale, come AIDS, clamidia, gonorrea, sifilide, epatiti, ecc. Attenzione però, perché la sua efficacia può essere ridotta (o annullata) da una sua scorretta applicazione o dalla sua rottura durante il rapporto.

  • Contraccettivi ormonali

    Tante tipologie di contraccettivi ormonali

    La contraccezione ormonale prevede l’utilizzo di ormoni femminili, in genere estrogeni e progestinici, che possono essere assunti con diverse modalità: per bocca nel caso della pillola, attraverso le pareti della vagina se si utilizza l’anello vaginale, o per via cutanea se si scegli il cerotto. Il meccanismo d’azione però è sempre lo stesso, ovvero il blocco dell’ovulazione.

  • Falsi miti pillola fotogallery

    I falsi miti sulla pillola

    Ritenzione idrica, cellulite, acne: sono questi i maggiori timori che spingono le donne a scegliere metodi contraccettivi diversi dalla pillola. In realtà la loro comparsa non è legata alla sua assunzione, soprattutto nel caso delle pillole di ultima generazione. Per quanto riguarda l’acne, poi, è vero esattamente il contrario. Spesso, infatti, la pillola viene prescritta proprio per contrastare questo disturbo della pelle.

  • Metodi naturali fotogallery

    Scarsa affidabilità per i metodi naturali

    I più diffusi sono il coito interrotto e il metodo Billings. Il primo è un metodo relativamente “semplice” in quanto prevede la ritrazione del pene dalla vagina prima dell’eiaculazione, ma può essere sgradito dalla coppia in quanto interrompe bruscamente il rapporto e può essere fonte di ansia. Il secondo dipende dalla capacità della donna di riconoscere l’ovulazione in base alle caratteristiche del muco cervicale (che variano nell’arco del ciclo mestruale), implica una buona confidenza con il proprio corpo e tanta costanza. In entrambi i casi però l’efficacia contraccettiva è bassa; ecco perché i metodi naturali possono rappresentare un’opzione soprattutto per le coppie stabili e molto affiatate, in cui entrambi i partner siano ben disposti ad accettare con serenità l’eventualità di una gravidanza imprevista.

  • Contraccezione emergenza fotogallery

    Non abusare della contraccezione d’emergenza

    Il fattore tempo è fondamentale quando si vuole ridurre il rischio di una gravidanza indesiderata dopo un rapporto non protetto oppure in seguito al fallimento o al cattivo uso di un metodo anticoncezionale. A questo scopo può essere usata la cosiddetta contraccezione d’emergenza, che è in grado di impedire la fecondazione, interferendo con l’ovulazione. Non provoca quindi un aborto e non è efficace in una donna che ha già ovulato o è già incinta. Il termine “emergenza” sottolinea però che questa forma di contraccezione deve rappresentare solo una misura occasionale e non sostituire un regolare metodo anticoncezionale.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SESSUALITà E COPPIA
Torna su