RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Composizione della pasta alla farina di piselli"

Seguo l'alimentazione dott. Mozzi. Un giorno, osservando la tabella nutrizionale di due pacchi di pasta di marchi diversi, 100% farina di piselli per fare un confronto, noto che gli elementi (calorie, carboidrati, proteine . . .) sono pressoché uguali, però un marchio oltre al ferro menziona anche la presenza di una buona percentuale di fosforo, invece l'altro marchio non ha fosforo, nemmeno in minime percentuali. Com'è possibile che si verifichi ciò, se entrambi i marchi usano lo stesso ingrediente cioè, come ho detto, solo 100% piselli?

Per prima cosa intendo precisare che non entro nel merito dell'alimentazione del dott.Mozzi anche perché non amo giudicare ciò che non conosco. Tuttavia le faccio presente ​che ultimamente è in atto un fenomeno curioso: una grande quantità di persone è alla ricerca di diete per restare in forma e spesso si affida a tutto ciò che trova in giro, magari sulla rete Internet, e fa molta confusione perdendosi nel mare di informazioni sbagliate diffuse da chi alimenta il mercato della diet industry, molto fiorente anche in Italia. Per fare qualche esempio c'è una grande corsa alle diete vegane, o alle diete BIO, o anche alle diete senza glutine e senza lattosio. Tutti questi, a parte il regime vegano, sono regimi dietetici che hanno un senso solo se effettivamente vi sono vere intolleranze (come per esempio la celiachia - intolleranza al glutine) per il resto secondo gli esperti in materia le diete basate su intolleranze non accertate sono delle "bufale", talvolta anche dannose per la salute. E lo stesso vale per tutti quei test fasulli che dovrebbero accertare la presunta intolleranza. Detto questo le consiglio di chiedere lumi ai produttori perché, purtroppo, di paste a base di farina di piselli ne so molto poco. Posso solo dirle che i piselli contengono fosforo in una quota variabile a seconda che si tratti di prodotto fresco (97 mg di fosforo per per 100 g di piselli freschi) o esiccato (320 mg per 100 g di piselli secchi). Se la lavorazione ne aumenta o riduce il contenuto questo non so proprio dirglielo.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su