Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Ciclo assente"

Ho una figlia di 17 anni che da circa 2 non ha più il ciclo (dopo un anno avuto regolarmente). Già fatti più volte gli esami del sangue dai quali risulta amenorrea ma la mia ginecologa dice di non preoccuparsi e di lasciarla stare che le mestruazioni verranno da sole. Io e mio marito non siamo troppo tranquilli e abbiamo voluto provare a fargliele tornare. Due mesi di clomifene (x 5 giorni) e pregesterone (x 6 gg.) non hanno dato risultati. La ginecologa insiste nel dire di lasciarla in pace. Noi ci preoccupiamo solo che senza ciclo possa avere problemi nella crescita. Ma è vero? O sono solo nostre fissazioni?

Se le mestruazioni scompaiono in età così giovanile è corretto fare una serie di verifiche sulle cause che determinano questa condizione. Va valutato il peso (è cresciuta? è calata? è sottopeso?), il tipo di alimentazione, lo stress, le funzioni ormonali in generale, da quelle ovariche-ipofisarie a quelle tiroidee, lo stile di vita, inclusi gli abusi (fumo, droga, alcool) e altro ancora. Raramente vi possono essere anche tumori, sia benigni che maligni. In realtà le cause possono essere molteplici, e talora sovrapporsi. Per fortuna nella grande maggioranza dei casi il problema si risolve da solo con la pazienza e l'attesa. Nonostante ciò, dopo un anno di amenorrea secondaria, val certamente la pena indagare e possibilmente porsi la domanda se non sia utile una terapia ormonale estro-progestinica onde non inficiare negativamente il metabolismo del calcio e il patrimonio osseo, che si va costruendo proprio a questa età.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su