Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
farmaci per la cervicale

Cervicale: quali rimedi usare?

Spesso molto dolorosi, gli attacchi possono essere tenuti sotto controllo in diversi modi.

Spesso molto dolorosi, gli attacchi possono essere tenuti sotto controllo grazie a diversi interventi terapeutici.

Colpi di freddo, posture scorrette, sforzi eccessivi: sono alcuni dei fattori che possono favorire l'insorgenza della cosiddetta cervicale, ovvero sensazione dolorosa al collo e alle vertebre cervicali della colonna vertebrale.

Le donne ne soffrono di più, e spesso il dolore può condizionare le attività della vita quotidiana. Gli episodi di cervicale tendono a risolversi nel giro di qualche giorno o settimana ma, se non vengono gestiti nel modo corretto, possono trasformarsi in un disturbo cronico, con ricadute periodiche.

In relazione all’origine e alla distribuzione del dolore e ai sintomi di contorno si riconoscono tre varianti della cervicalgia, ossia la cervicalgia vera e propria, la sindrome cervico-brachiale e la sindrome cervico-cefalica. Vediamo quali sono le differenze.


Forma di cervicalgiaSede del doloreManifestazioni
Cervicalgia vera e propriaIl dolore interessa prevalentemente il collo, soprattutto nella regione della nuca, e la parte alta della schiena, tra le scapoleIl dolore è in genere legato alla presenza di una contrattura e/o di infiammazione muscolare (in particolare, a carico del muscolo splenio della testa e del collo, del trapezio e del muscolo elevatore della spalla), in proporzione variabile da caso a caso. Il fastidio che ne deriva può essere notevole e può impedire del tutto o solo in parte di muovere il collo per uno o più giorni.
Sindrome cervico-brachialeDolore al collo e alle spalleAl dolore al collo e alle spalle si aggiungono sintomi sensitivi e calo di forza, che dal rachide cervicale si irradiano alle spalle e alle braccia, arrivando talvolta fino alle mani. Le manifestazioni, in genere, riguardano un solo braccio, in corrispondenza del lato maggiormente interessato dall’infiammazione, che in questo caso coinvolge in modo marcato anche i nervi cervicali.
Sindrome cervico-cefalicaDolore al collo e alle spalleSono presenti sintomi sensitivi neurologici distintivi come mal di testa, vertigini (con conseguentenausea), disturbi della vista e dell’udito, cui si aggiungono, a volte, anche disturbi della deglutizione. Queste manifestazioni possono essere così intense e invalidanti da far passare del tutto in secondo piano il dolore al collo.

I farmaci

Per alleviare un episodio singolo di cervicale si possono usare antinfiammatori, farmaci che “spengono” l’infiammazione e tolgono il dolore.

I più usati sono:

  • FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), come per esempio l'acido acetilsalicilico.
  • cortisonici, che dovrebbero essere somministrati solo nei casi più gravi e per un periodo di tempo limitato, a causa dei notevoli effetti collaterali.

Entrambe le classi di farmaci sono disponibili sia sottoforma di creme da applicare localmente sulla zona dolente, sia come preparati da assumere per bocca.

Pubblicità

La terapia può durare dai 7 ai 10 giorni, ma non deve essere prolungata oltre, soprattutto nel caso di trattamento con farmaci cortisonici, a meno che non sia il vostro medico a prescriverlo.

Anche se il dolore sparisce è bene proseguire la terapia per il tempo stabilito: può infatti verificarsi che la sensazione dolorosa sia svanita, ma non l'infiammazione sottostante, che potrebbe persistere e, quindi, tornare a farsi sentire.

In alcuni casi, è possibile associare a questi farmaci l'assunzione di miorilassanti, medicinali che agiscono riducendo le contratture muscolari, spesso associate alla cervicalgia.

La fisioterapia

Se gli episodi sono ricorrenti, è necessario capire quali sono le cause della cervicale e, se possibile, ridurle.

Spesso si tratta di un problema posturale: troppo tempo passato al computer in una posizione sbagliata, oppure un lavoro che obbliga a tenere testa e collo in posizione scorretta.

Può quindi essere utile "rieducare" il nostro corpo, con l'aiuto di un fisioterapista, che interverrà con esercizi volti a:

  • tonificare la muscolatura del collo, aumentandone la resistenza
  • assumere e mantenere la postura corretta di collo e busto
  • favorire l'allungamento della muscolatura, per ridurre la sensazione dolorosa anche a livello dei nervi.

Anche un massaggio eseguito da mani qualificate può aiutare a ridurre i sintomi della cervicalgia o la frequenza degli episodi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Cervicale: a chi rivolgersi

Articolo scritto da:
TAG
CONSULTA IL DOSSIER "MAL DI TESTA"
VIDEO

Acido acetilsalicilico, una molecola multitasking

Foto prof giua

Intervista a Corrado Giuia, farmacologo e docente all’Università di Trieste, coordinatore del Master in farmacia clinica negli atenei di Milano e Cagliari.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su