Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cellulite e fanghi d'alga guam"

Sono una ragazza di 19 anni. Dallo scorso anno mi è comparsa la cellulite sulle gambe. Purtroppo non so a cosa sia dovuta: al fatto che abbia smesso di prendere la pillola, che ho preso per circa due anni, oppure al fatto che io abbia condotto un attività sportiva abbastanza faticosa? Da circa 2 mesi mi sono iscritta nuovamente in palestra e faccio molto tappeto e cerco di tonificare. Mi chiedevo se utilizzando i fanghi d'alga guam la situazione potesse migliorare, ma soprattutto se c'è il pericolo che la cellulite aumenti di anno in anno.

Per combattere la cellulite oltre a fare molta attività fisica deve seguire una dieta povera di grassi saturi e ricca di frutta e verdura crude, bevendo molta acqua. Come cura i fanghi di alga guam vanno bene, ma meglio integrarli con alga marina, sotto forma di estratto secco titolato in iodio allo 0,05% da assumere l capsula al risveglio e 2 capsule a metà pomeriggio associata a una tisana di the verde. Quest'ultima preparata come segue: porre 15 g di foglie spezzettate di the verde in una pentola e versare su di esse circa 1 litro di acqua bollente, lasciare riposare per circa 10 minuti e infine filtrare. Dopo il raffreddamento questa bevanda va bevuta nell'arco della giornata. Continui questa cura per almeno 3 mesi consecutivi e poi a cicli di 1 mesi si e 1 mese no.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su