Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cellulite che non va via"

Sono una ragazza di 28 anni e purtroppo ho la odiata cellulite. Faccio nuoto da due anni ma la situazione è sempre la stessa. In più, da una parte è più evidente il cuscinetto che dall'altra. Può darmi dei consigli? Già so tutto sull'importanza di bere molta acqua e di mangiare sano... Se mi potesse indicare qualche nome di crema o altri rimedi sarei molto contenta.

Per combattere la cellulite, oltre a mangiare correttamente e a bere molta acqua, deve cercare di fare molta attività fisica, anche solo camminando molto di buon passo. Come cura fitoterapica le consiglio la seguente: Frazione triterpenica al 60% di centella asiatica alla dose di 3 compresse al giorno (1 ogni 8 ore) a stomaco vuoto per proteggere la microcircolazione venosa + Ortosifon estratto secco in capsule alla dose di 3 capsule al giorno da prendere assieme alla centella per drenare i liquidi in eccesso. Inoltre dovrebbe prepararsi la seguente tisana di tè verde: 15 g. di foglie secche di the verde messe in una pentola, poi ci versi sopra mezzo litro di acqua, lasci riposare 10 minuti e infine filtri. Il liquido ottenuto lo dovrà bere nel corso della giornata. Faccia questa cura per almeno due mesi e poi a cicli di 1 mese sì e 1 mese no.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su