Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Celiachia che non risponde alla dieta"

Ho 28 anni, alta 1,65 cm per 48 kg. 
Ho mal di stomaco da 4 anni: dopo mangiato si gonfia e mi fa male, ho la sensazione di non riuscire a digerire, sono anemica, ho avuto problemi di amenorrea per 2 volte e orticaria, spesso con prurito alle orecchie o labbra dopo mangiato, e "brufoli" sul viso.
 Ultimamente dopo mangiato oltre a gonfiarsi lo stomaco mi fa male la testa, ho stanchezza e mi sento come un tremolio nelle braccia e nelle gambe. Il mese scorso ho fatto gli esami del sangue per la celiachia e sono risultata positiva. Ho iniziato subito la dieta senza glutine. La prima settimana è andata benissimo, lo stomaco si era sgonfiato, niente più mal di testa. Da 2 settimane sono tornati i sintomi anche se mangio senza glutine e faccio fatica a digerire quasi tutto. È normale?

La dieta gluten free nella malattia celiaca determina, nella maggioranza dei casi, miglioramento dei sintomi presenti alla diagnosi. Una minoranza di celiaci non risponde alla dieta continuando ad avere disturbi. Questa condizione viene definita “Celiachia non responder”, condizione clinica che necessita di trattamento più aggressivo e più attenta sorveglianza. I casi di non responder derivano da varie cause. La prima, può essere una diagnosi inziale non corretta, pertanto in caso di mancata risposta alla dieta vanno ben rivalutati i dati diagnostici. Una delle cause più frequenti può essere semplicemente introduzione involontaria nella dieta di glutine, in questo caso occorre molta attenzione alla dieta quotidiana per capire dove può esserci il problema. Inoltre la persistenza di disturbi nonostante una dieta appropriata è la concomitante presenza di patologie funzionali non indagate, come la sindrome del colon irritabile, intolleranza al lattosio, contaminazione batterica dell’intestino tenue, l’insufficienza pancreatica esocrina. Tutte condizioni cliniche da indagare con test appropriati e trattabili con terapia specifica. Solo dopo aver indagato ed escluso tutto ciò, è possibile parlare di “malattia celiaca refrattaria”


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su