Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cefalea a grappolo, la prevenzione"

Da piu di 5 anni mi è stato diagnosticata una forma di cefalea a grappolo unilaterale destra, cronica e resistente ai trattamenti. Nonostante la terapia continuo ad avere un attacco al giorno della durata di un'ora. Qual è la terapia standard per le cefalee a grappolo?

La cefalea a grappolo è una cefalea di tipo primario, con una prevalenza nella popolazione del circa 0,4 %. Più frequente nei maschi e con un picco di esordio fra i 20 e i 50 anni. Il tipo di dolore, molto intenso generalmente orbitario, sovraorbitario o temporale, può durare dai 15 ai 180 minuti. Si associa a iniezione congiuntivale o lacrimazione, rinorrea, edema palpebrale, miosi o ptosi, agitazione. Gli attacchi possono essere fino a 8 al giorno e per periodi che vanno da settimane a mesi. I farmaci più efficaci e comunemente impiegati nella profilassi della cefalea a grappolo sono il Verapamil (un calcio-antagonista), il Litio, il Topiramato e i corticosteroidi.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su