Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Carenza di vitamina B12, che fare"

Sono un ragazzo di 26 anni. Ho effettuato delle analisi del sangue ed è risultata una carenza di B12. È una cosa grave? È possibile integrare eventualmente la B12? Ora in questi giorni ho anche altri sintomi tipo formicoli e parestesia alla coscia sinistra, debolezza e confusione mentale non riesco a stare concentrato e dimentico alcune cose, può dipendere da questa carenza?

La carenza di vitamina B12 può comportare comparsa di anemia crescente, debolezza, pallore, ittero, stanchezza, lingua liscia, pruriginosa e molto rossa, formicolii alle estremità, ridotta percezione del dolore, irritabilità, mal di testa, depressione, diminuzione delle facoltà mentali (difficoltà di concentrazione, deficit di memoria), alterazioni dell'equilibrio, disturbi del sonno. La carenza di vitamina B12 può essere risolta tramite apposite somministrazioni per via intramuscolare od orale. In quest'ultimo caso le dosi devono essere nettamente superiori rispetto al fabbisogno giornaliero, fino all'ordine del milligrammo. È utile considerare, con il supporto di un dietologo, il tipo di alimentazione tenendo conto che la maggiore fonte di vitamina B12 è animale.


Ha risposto Raimo Renato

Renato raimo

Renato Raimo

Farmacista perfezionato in Fitoterapia, Fitopreparatore

Dal 1992 è titolare di Farmacia. È esperto di Piante medicinali e Omeopatia ed è Fitopreparatore. Laureato alla facoltà di Farmacia dell’Università di Pisa, nel 1992 si perfeziona in Fitoterapia presso la scuola di Perfezionamento dell’Università degli studi di Siena.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su