Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Assunzione quotidiana di edulcoranti"

Scrivo per chiedere un parere sull'assunzione quotidiana di edulcoranti. È vero che fanno male? Leggendo qua è là su internet si trovano pareri opposti; in generale sento dire che gli edulcoranti che contengono aspartame potrebbero essere nocivi e in alcuni casi provocare addirittura il cancro. Quanto c'è di vero in tutto questo?

Gli dolcificanti-si-o-no">edulcoranti sono zuccheri di sintesi che, a differenza dello zucchero comune che contiene saccarosio, hanno un elevato potere di addolcire gli alimenti e un minimo contenuto calorico. Nelle dosi consigliate, non sono dannosi per la salute. L’aspartame, in particolare, ha un potere dolcificante di circa 200 volte quello dello zucchero ed è composto di due aminoacidi, comunemente presenti nella carne e nelle uova: l’acido L-aspartico e l’L-fenilalanina. Solo le persone affette da una malattia genetica che si chiama fenilchetonuria non possono assumerlo. I dolcificanti, comunque, non devono essere assunti durante gravidanza e allattamento e in età inferiore ai 15 anni.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su