Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Allarme infondato sull'inositolo"

Ho letto in un forum che sono stati presentati 17 nuovi studi sull'inositolo: 16 sul mioinositolo e 1 sul D-chiroinositolo. In una relazione, in particolare è emerso che gli ultimi risultati delle ricerche hanno dimostrato con dati incontestabili la tossicità del D-chiroinositolo che, per nessuna ragione, deve essere utilizzato in pazienti che ricercano una gravidanza, soprattutto se affette da ovaio policistico. Una delle cause di tale patologia è proprio l'eccesso di D-chiroinositolo nell'Ovaio! Dopo questa notizia sono entrata in crisi. È da circa un anno che prendo chiroinositolo per l'ovaio micropolicistico e spero di rimanere incinta per un secondo bimbo, ma nulla.

Il chiroinositolo è una sostanza vitaminica del gruppo B presente in natura in molte fonti alimentari, comprese noci, cereali, legumi e frutta. Il suo precursore biochimico è il mioinositolo cui è strettamente legato. Le due sostanze attivano peraltro due cascate di processi biochimici paralleli. Ero presente alla citata relazione, che ha trattato tutt’altra cosa, comparando il mioinositolo e il mioinositolo associato chiroinositolo, concludendo che hanno identici vantaggi metabolici in particolare nella prevenzione della sindrome metabolica correlabile con la micropolicistosi ovarica.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su