RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Alimentazione e integratori nell'adolescente sportivo"

Sono il papà di un ragazzino di 13 anni (adottivo di origine africana), da qualche tempo io e mia moglie abbiamo notato che mangia meno, premetto che fa sport (calcio) da quando ha 5 anni, si è sempre distinto per l'agonismo e la forza fisica, mentre ultimamente anche l'allenatore mi ha riferito che lo vede giù di tono, le chiedevo vista l'età in cui dovrebbe iniziare lo sviluppo adolescenziale (preciso che non è ancora cominciato), un consiglio sull'alimentazione, è giusto dargli degli integratori tipo vitamine pappa reale?

L'alimentazione degli adolescenti va particolarmente curata, specie se fanno sport. Nella loro dieta non devono mai mancare frutta, verdura, acqua, minerali, proteine, pochi grassi (preferire quelli della carne di pesce) e carboidrati complessi (pane, pasta, riso, cereali) che vanno assunti in base al peso, allo stato di salute e all'età, senza trascurare l'attività sportiva. Tuttavia questi sono consigli generali, per avere una dieta personalizzata adeguata ai fabbisogni di suo figlio consiglio di rivolgersi al medico dello sport che segue la squadra di calcio nella quale gioca. Per ciò che riguarda gli integratori, dato che diversi studi hanno dimostrato controindicazioni quando assunti senza consultare il medico, ritengo che sia più corretto rivolgersi al suo medico o, ancora, al medico sportivo.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su