Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 6 minuti
aerosol, acqua di mare, inalazioni, raffreddore, influenza

Aerosol: i vantaggi dell’acqua di mare

Riduce il gonfiore, riequilibra le mucose e favorisce l’espulsione del muco.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Riduce il gonfiore, riequilibra le mucose e stimola l’autopulizia dell’apparato respiratorio favorendo l’espulsione del muco.

Contro il raffreddore, purtroppo, non c’è un’arma preventiva, come per esempio il vaccino per l’influenza.

Non esiste perché i virus che lo causano sono numerosissimi e si modificano molto in fretta, impedendo al sistema immunitario di allestire difese efficaci e durature. Ma non è il caso di disperare.

Se si ha la tendenza a soffrire spesso di raffreddore, magari associato a mal di gola, tosse, mal d’orecchio e un po’ di febbre, un prezioso aiuto può venire dall’acqua di mare. O meglio da soluzioni fisiologiche sterili che ne contengono quantità calibrate.

Soluzioni isotoniche per le mucose

L’acqua di mare è una soluzione ipertonica, cioè con un elevato contenuto di sali. Questo tipo di soluzione può essere impiegata per lavaggi nasali, ma ha un effetto irritante per le mucose (brucia).

Meglio allora ricorrere a soluzioni di acqua marina rese isotoniche, ovvero soluzioni con un contenuto di sali ridotto, così da non essere irritanti ed evitare quella fastidiosa sensazione di bruciore quando impiegate.

Di seguito le principali differenze fra le soluzioni ipertoniche e isotoniche:



Concentrazione salina
Funzione
Soluzione isotonica
0,9%
Decongestiona e umidifica le mucose e fluidifica le secrezioni nasali e bronchiali
Soluzione ipertonica3%
Permette di richiamare per osmosi l’acqua in eccesso contenuta nelle cellule edematose, aiutando così a rimuovere il muco ispessito


Inalate sotto forma di aerosol, le soluzioni isotoniche realizzate a partire dall’acqua di mare portano a contatto delle superfici infiammate di naso e gola una miscela di sali minerali unica per composizione e proprietà, in grado di decongestionare e umidificare le mucose e di fluidificare le secrezioni nasali e bronchiali, favorendone l’eliminazione.

Numerosi studi scientifici condotti negli anni hanno dimostrato che i lavaggi nasali effettuati con soluzioni isotoniche (ossia caratterizzate da una concentrazione di sali minerali uguale a quella presente nei tessuti dell’organismo), sono in grado di rimuovere le secrezioni in eccesso, che ostruiscono le fosse nasali e che aiutano a trattenere nel naso i virus responsabili del raffreddore.

Pubblicità

Per adulti e bambini

Lavaggi nasali e aerosol effettuati con soluzioni isotoniche all’acqua di mare, acquistabili in farmacia senza ricetta medica, sono un rimedio adatto in adulti e bambini fin dai primi anni di vita, in quanto ben tollerati e privi di controindicazioni in soggetti che non presentino patologie respiratorie croniche specifiche (in chi soffre di asma o fibrosi cistica, invece, prima di effettuarlo è sempre preferibile chiedere l’opinione del medico).

Oltre a favorire la guarigione da episodi acuti di raffreddore e alleviarne i sintomi in caso di influenza con rinorrea e/o infiammazione della gola o dell’orecchio, effettuare regolarmente ogni giorno lavaggi nasali e aerosol addizionati di soluzioni isotoniche all’acqua marina rappresenta un’utile strategia per prevenire disturbi respiratori di vario tipo e ridurne la frequenza, soprattutto nei bambini.

Le soluzioni isotoniche possono essere utilizzate con qualunque apparecchio per aerosol e il trattamento inalatorio può essere ripetuto più volte al giorno, in relazione alle necessità e all’entità del disturbo respiratorio.

Se ad avere bisogno delle inalazioni è un bambino, l’ideale è proporre l’aerosol sotto forma di gioco per fargli prendere confidenza con lo strumento e rendere divertente un’esperienza talvolta non amata.

Per esempio, si può simulare una missione spaziale o un’esplorazione subacquea e coinvolgere nell’avventura anche la bambola o l’orsacchiotto preferito. Senza dimenticare qualche coccola gratificante alla fine.

Se cerchi una risposta ad un problema specifico consulta il nostro esperto

Battaglioli1
Marina Battaglioli
Pediatra e neonatologa


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Bambini e vaccinazioni: facciamo il punto

Vaccinazioni nei bambini

Quali sono i rischi? E quello contro il papilloma virus funziona davvero?

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI FARMACI
Torna su