Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
acufeni, tinnitus, ronzio all'orecchio

Acufeni

Chi ne soffre sente rumori fastidiosi, a volte anche intensi, su uno o su entrambi gli orecchi, che nella realtà non esistono.

Che cos’è

L’acufene, o tinnitus, è la percezione di un suono in assenza di una stimolazione sonora. Consiste nel sentire rumori fastidiosi, a volte anche intensi, su uno o su entrambi gli orecchi, che nella realtà non esistono.

Può succede che, con l’andare del tempo, l’acufene si centralizzi, nel senso che viene percepito all’interno della testa.

I rumori possono essere di varia natura: fischi, fruscii, risacca del mare, rumore di catene, ronzii, alcune volte il suono è variabile e cambia di frequente. Altre volte compaiono acufeni di tipo pulsato, simili al battito cardiaco.

Si definisce acufene oggettivo quando il medico riesce a rilevare il suono percepito dal paziente. L’acufene soggettivo, al contrario, viene percepito soltanto da quest’ultimo.

Diffusione

Alcune indagini recenti hanno calcolato che il 10 per cento circa della popolazione adulta soffra di acufeni, e nel 5 per cento dei casi il sintomo viene riferito come particolarmente fastidioso.

Soltanto nell’1 per cento dei casi l’acufene ha un impatto altamente negativo sulla qualità della vita.

Cause

Le cause dell’acufene possono essere legate a:

  • disordini di tipo vascolare (conflitto neuro-vascolare, tumori a genesi vascolare quali il glomo timpanico)
  • disordini di tipo muscolare (mioclono palatino, spasmo del muscolo stapedio e tuba di Eustachio beante).

L’evento scatenante potrebbe essere anche un deficit uditivo: questi eventi ingenerano una serie di cambiamenti lungo le vie acustiche, il cui evento finale è una disritmia talamo corticale.

Se tali cambiamenti sono l’evento iniziale, il mantenimento e soprattutto il fastidio generato dall’acufene implica un coinvolgimento del sistema limbico, la parte del nostro cervello che regola le nostre emozioni.

Trattamento

Nella terapia dell’acufene vale il principio “prima si agisce, meglio è”. Il trattamento più diffuso è la Tinnitus Retraining Therapy (TRT). Consente di eliminare o ridurre notevolmente la percezione dell’acufene, indipendentemente dalla causa.

In pratica trasforma il sintomo invalidante in un fattore irrilevante nella vita quotidiana.

Si applica un suono calibrato in grado di indurre una regressione delle anomalie lungo le vie acustiche che hanno generato l’acufene, producendo una diminuzione consistente dello stesso.

Quando sono presenti, la terapia TRT deve essere associata al trattamento dei disturbi emotivi.

Le terapie farmacologiche utilizzate non sono specifiche per l’acufene (vasodilatatori, antistatici, anestetici locali). Negli ultimi anni la terapia farmacologica è stata parzialmente abbandonata, restano validi invece i medicinali utili a combattere l’ansia e la depressione che spesso deriva, come conseguenza, dall’acufene.


Quanto hai trovato interessante questo articolo?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Ho male all'orecchio: potrebbe essere entrata dell'acqua? Che cosa devo fare?

Dolore orecchio e acqua

Il mal d’orecchio può dipendere da patologie serie ma anche da eventi banali. Se la causa è l'entrata accidentale di acqua, ecco che cosa si può fare.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI PATOLOGIE A/Z
Torna su