Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A 11 anni ha un cerchio alla testa che dura da tempo"

Da circa 5 giorni mio figlio presenta dolore alla testa senza nausea, vomito o diarrea, né febbre, ma solo un cerchio alla testa. Il pediatra ha riscontrato una contrattura in prossimità del il collo e gli ha prescritto la cura. Mio figlio ha 11 anni peso 42 kg e dice di avere sempre male a volte più a volte meno, ma comunque sempre. È normale che duri così a lungo il male?

Il dolore alla testa può essere provocato da diverse cause. Una delle più frequenti è quella muscolotensiva, associata a stress, lavoro/studio intensi, contratture cervicali, ma non sempre si trova la causa, allora si chiama idiopatico. A volte il dolore dura più giorni, più o meno forte, ma non scompare. Il non avere altri segni e sintomi associati è comunque positivo. Non sempre l'attacco si risolve con i comuni antidolorifici, a volte ne servono di più forti e specifici. L'età della pre adolescenza è piuttosto tipica come esordio di cefalea. Se gli episodi sono frequenti e durano molto, può consultare uno specialista in cefalee dell'infanzia e dell'adolescenza. Di solito è un neurologo o un neuropsichiatra infantile e gli ambulatori si trovano presso ospedali che hanno reparti e servizi pediatrici.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su