Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Zenzero per disturbi gastrointestinali "

Soffro di ipertensione arteriosa, ho avuto un'ischemia coronarica e ho problemi di reflusso gastroesofageo, diverticoli, ernia iatale. Ho sentito che l'uso dello zenzero è molto indicato: è vero?

Lo zenzero è utile per la sua azione antinausea e antivomito e anche perchè può favorire la digestione dei cibi. Va preso come estratto secco titolato in gingeroli minimo 4%, alla dose di 500 mg due volte al giorno, circa 20 minuti prima di pranzo e 20 minuti prima di cena. Se necessario può fare la cura cronicamente, perchè la tollerabilità dello zenzero è ottima.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

Torna su