Pubblicità

Weekend alle terme: funziona davvero?

Troppo stress? Fermiamoci per un paio di giorni e dedichiamoci a noi stessi a tutto tondo. Con l'aiuto delle strutture termali.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
Termalismo salute efficacia

Fango, pietre vulcaniche, acqua e piante aromatiche: è a base di sostanze più che naturali la formula che garantisce di ritrovare il benessere psicofisico. Solo alle terme.

Le offerte per brevi soggiorni termali sono allettanti, weekend lunghi all'insegna del più salutare egoismo: farsi massaggiare o idromassaggiare, drenare, spalmare di fanghi o impacchi profumati, in un ambiente in cui relax è la parola d'ordine.

Niente di meglio per dimenticare lo stress, staccare la spina da impegni e preoccupazioni. Ma funziona davvero?

C’è una scienza che lo dimostra

La psiconeuroendocrinoimmunologia, la medicina che studia i disturbi correlati allo stress, indica che tra i sintomi di questo stato di generale malessere ci sono stanchezza cronica, difficoltà a concentrarsi e a esprimersi, alterazioni dell'appetito, mal di stomaco, mal di testa, rialzo pressorio e una maggiore predisposizione ad ammalarsi.

E chi prova a "disintossicarsi" dallo stress regalandosi un paio di giorni in uno stabilimento termale può contare su benefici che perdurano nel tempo.

Alcuni studi, infatti, segnalano che i trattamenti a base di acque termali innalzano il livello delle endorfine, gli ormoni responsabili della sensazione di benessere e rilassatezza, e che queste si mantengono più a lungo attive.

Acqua healing, e lo stress se ne va

Un'idroterapia antistress inusuale, ideata per chi soffre di stati ansiosi, è l'acqua healing, che consiste nella graduale immersione nella piscina termale a cui segue una stimolazione di testa e arti da parte del trainer mentre si galleggia su uno speciale materassino.

Quali acque scegliere? In assenza di patologie, tutte le acque vanno bene. Consigliate in particolare per combattere lo stress sono quelle salsobromoidiche (Abano Terme), quelle sulfuree (Saturnia) e quelle sulfuree salsobromoiodiche (Sirmione) mentre per recuperare energia sono indicate le arsenicali-ferruginose (Levico Terme).

Calore e massaggio

Come agiscono? Innanzi tutto, le acque termali sono calde e il calore ha il potere di rilassare la muscolatura e il sistema nervoso. La temperatura di un bagno termale oscilla tra i 37 e i 38 °C, l'applicazione del fango raggiunge i 40, 42 °C (a soli fini estetici, però, il fango viene fatto precedentemente raffreddare).

In seguito, l'organismo reagisce con la traspirazione, eliminando così le tossine.

Infine, va previsto un massaggio, che può essere eseguito con tecniche diverse: ogni stabilimento termale ha le sue proposte, dal massaggio energetico evolutivo al massaggio con pietre vulcaniche.

Affinchè sia veramente efficace si suggerisce il massaggio eseguito dal professionista e non da macchinari.

E poi i fanghi, ma non solo

La fangoterapia è utile in caso di tensioni muscolari provocate da desk stress: cervicale, lombalgie, mal di schiena in genere.

Ma un weekend alle terme significa anche immergersi in un ambiente dove tutto è progettato all'insegna del relax: si trascorre la giornata in accappatoio e ciabattine, passando dalle vasche con idromassaggi alle docce emozionali, cromoterapiche e aromaterapiche, alle più tradizionali saune, bagni turchi, idropercorsi vascolari.

Per un'azione no stress è più che sufficiente, ma un trattamento extra, per esempio una seduta di riflessologia plantare, può metterci in pace con il mondo.

Da provare anche la peloidoterapia, impacchi di fango rigeneranti e il massaggio emozionale, che associa la manipolazione a musica, colori, profumi.

Shamiran Zadnich

CONSULTA L’ARCHIVIO DI STRESS E RILASSAMENTO
Torna su