Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vomito ricorrente nel fine settimana"

Salve, da quasi 3 mesi il mio fidanzato di 35 anni soffre di episodi di vomito ricorrente soprattutto il sabato e la domenica. Dagli esami strumentali (gastroscopia ed ecografia) è emersa un’ernia jatale e un’infezione da Hp che sta curando con alimentazione adeguata e antibiotico associato a esoprazolo, ma il vomito del fine settimana continua a tornare non appena si sveglia, sempre di colore trasparente (sembra quasi acqua) e a tratti giallognolo. Crede sia possibile si tratti di un intolleranza alimentare, visto che consuma molti farinacei?

Le caratteristiche del materiale refluito fanno più che altro pensare a rigurgiti di materiale acido gastrico. Sicuramente è alquanto bizzarro che i sintomi si presentino soprattutto o quasi esclusivamente nel fine settimana, tutto ciò suggerisce un'influenza preponderante dello stress fisico ed emotivo. Tuttavia ci sono altri validi motivi che si associano al sintomo: l’infezione da Helicobacter pylori non è ancora stata debellata e per avere un miglioramento dovrebbe almeno terminare la terapia, e la presenza dell’ernia jatale può peggiorare i disturbi.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su