Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vitamina B6 per la nausea in gravidanza"

Sono incinta 6+6 e data la nausea il mio medico mi ha detto che posso assumere vitamina B6. Non avendo specificato dosaggio, ho acquistato in farmacia un integratore 300 mg B6, ma ho letto che il dosaggio è troppo alto così ieri dopo pranzo ho assunto solo mezza compressa scarsa. Ora però mi stanno venendo dubbi. E se fosse comunque un dosaggio troppo alto? Nel dubbio non ho preso altro, ma ho fatto qualche danno?

La dose raccomandata quotidiana di vitamina B6 per la donna gravida è di 1,9 - 2 mg al giorno, da assumersi comunemente attraverso la dieta. La dose di vitamina B6 che viene comunemente utilizzata per la nausea in gravidanza è di 10-25 mg tre volte al giorno, anche se in realtà non si sa bene come essa agisca e c’è poca evidenza sulla sua efficacia. L’assunzione di dosi elevate di vitamina B6, oltre i 500 mg al giorno, può dare danni neurologici; ma danni neurologici sono stati talora osservati anche con dosaggi più modesti attorno agli 80-100 mg al giorno utilizzati nel lungo periodo. Avere assunto una dose abbastanza alta per un giorno o due non implica solitamente nessun problema pratico, se non talora nausea, bruciore di stomaco, dolori addominali, maggiore sensibilità alla luce, riduzione dell’appetito, reazioni cutanee.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su