Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Urinare frequentemente e dieta iperproteica "

Da circa 2 mesi e mezzo ho incominciato a fare palestra in modo serio e contestualmente ho iniziato una dieta iperproteica che consiste in una drastica riduzione di carboidrati di pane e pasta e un aumento di proteine (anche aumentando le calorie totale) portando le proteine giornaliere a circa 2 g per chilo corporeo. Però da qualche tempo ho notato che urino in continuazione, molto più frequentemente di prima. E alcune volte sento dolore alla vescica. Questa cosa mi spaventa. Qualcuno mi ha detto che se si urina molto più spesso del solito è perchè si sta perdendo peso in modo non sano e si sta perdendo moltissimo calcio danneggiando le ossa. Cosa dovrei fare?

Come avevo già spiegato in questa rubrica, la dieta iperproteica è da seguire per un massimo di 2 settimane consecutive e va riservata ai soggetti sportivi in allenamento intensivo che vanno seguiti da un medico dello sport. Spero che lei abbia cominciato dieta e sport solo dopo consigli di specialisti e non di testa sua. In generale la dieta iperproteica mette a dura prova i reni e quindi il fenomeno della poliuria (urinare spesso) che lei dichiara potrebbe essere un segno del fatto che i suoi reni sono sottoposti a carico eccessivo così come la vescica che le dà dolore. Dunque per prima cosa chieda consigli al suo medico curante e in futuro si affidi solo a specialisti.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su