Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tromboembolia polmonare pregressa e disturbi del respiro"

Alla fine del 2010 ho avuto una troembolia polmonare massiva bilaterale. Anche se tutti dicono che non ho più nulla io ho ancora fastidi a respirare, settimana scorsa ho rifatto Tc con e senza contrasto e l'esito evidenzia la presenza di tessuto solido nel mediastino antero-superiore compatibile con residuo timico: che cosa significa? Può essere la causa del mio fastidio a respirare?

Il residuo timico è di facile riscontro alla Tc del torace e solitamente non causa alcun problema; l'importante è fare delle indagini per vedere che non sia funzionante. Solitamente non ha nessun nesso con l'embolia polmonare, invece lo si trova spesso nei pazienti con malattie neurologiche come la miastenia. Il timo è una ghiandola presente quando nasciamo e che involve in età adulta, ed è deputata all'istruzione dei linfociti nella loro futura specializzazione immunologica. Può dare dispnea se comprime la trachea, ma nella stragrande maggioranza dei casi non provoca alcun problema. Le consiglio comunque di fare una visita pneumologica valutare tutta la sua situazione visto che ha avuto un problema serissimo come l'embolia polmonare massiva.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su