Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tosse: quanto conta l'inquinamento?"

Sono un uomo di 36 anni, vivo a Milano, non ho mai fumato, ma nonostante questo ho molto spesso problemi di tosse. Può dipendere dall’inquinamento?

La tosse cronica ha come sue cause principali l’asma, il reflusso gatroesofageo, e lo scolo retro nasale, quindi inizierei a valutare queste ipotesi. Inoltre bisognerebbe sapere che tipo di tosse è la sua, se è secca o grassa, se insorge di notte o al mattino. Per rispondere al suo quesito direi che l’inquinamento atmosferico può c’entrare nello slatentizzare una sintomatologia tussigena se ha di suo una malattia asmatiforme. In ogni caso l’inquinamento è uno stimolo irritativo per i bronchi.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su