Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tosse cronica senza causa accertata: che fare?"

Ho tosse praticamente cronica. Ho fatto visita pneumologica: tutto negativo, non soffro di asma, all'Rx torace non è stato rilevato nulla. Quando tossisco spesso emetto catarro bianco. È possibile avere tosse senza una causa clinica?

La tosse è un riflesso di difesa dell'apparato respiratorio. Rappresenta uno dei più frequenti sintomi respiratori, risultando per alcuni studi al terzo posto fra le cause che inducono un paziente a consultare il medico. Normalmente rappresenta un meccanismo per espellere dalle vie respiratorie secrezioni in eccesso ed eventuale materiale estraneo, ma in alcuni casi la sua origine è da ricercare fra patologie extra polmonari. La tosse viene definita acuta quando dura meno di tre settimane, cronica se persiste oltre questo periodo di tempo. Molto comune fra i fumatori è la cosiddetta "bronchite cronica semplice", che si definisce come la presenza di tosse produttiva per almeno tre mesi l'anno per due anni consecutivi. In questo caso la radiografia del polmone e anche la spirometria possono risultare nella norma e diventa fondamentale la disassuefazione da fumo di sigaretta. Esiste tuttavia un grande numero di patologie polmonari e extrapolmonari che possono indurre tosse e che possono non evidenziarsi alla sola radiografia del torace. Le consiglio pertanto di interpellare lo specialista che ha consultato per comprendere se il suo problema è stato inquadrato come bronchite cronica semplice o se ritiene che debba proseguire con altri iter diagnostici.


Ha risposto Papazian Barbara

Papazian 1

Barbara Papazian

Pneumologa

Svolge attività ambulatoriale come Specialista Pneumologa presso l’Ambulatorio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Milano.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su