Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tosse cronica e catarro"

Ho 58 anni e da tanti anni fumo 4 sigarette al giorno. Da circa 5/6 mesi al risveglio e per circa 2 ore ho tosse con catarro. Nel corso della giornata invece solo qualche colpo di tosse con poco catarro. Rx torace negativo. Soffro di gastrite cronica con reflusso. Ho fatto circa 2 mesi e mezzo di pantoprazolo 40 mg x 2 volte al giorno. Mi sembra che la tosse si sia un po' attenuata, ma la mattina persiste comunque. Il catarro invece non mi sembra sia diminuito. La mattina è marroncino e nel corso della mattinata quasi chiaro trasparente. La sera e la notte niente tosse. Fine agosto eseguita laringoscopia con questo esito: presenza di laringite posteriore come da reflusso extraesofageo. Mi puó dare un consiglio?

Essendo lei fumatrice e riferendo tosse produttiva cronica presente per piu' mesi consecutivi, le consiglierei di eseguire una spirometria per escludere che abbia una broncopneumopatia cronica ostruttiva; questa malattia con alta prevalenza in chi ha l'abitudine tabagica si presenta con tosse e espettorato cronici e variabilmente anche a mancanza di fiato e difficoltà respiratorie, che possono tuttavia non essere presenti specie nelle fasi iniziali. La spirometria è un esame semplice e non invasivo, che le può fornire un prezioso aiuto. Le consiglio inoltre di riflettere sulla cessazione da fumo di sigaretta, eventualmente usufruendo anche dell'aiuto dei Centri Antifumo; sul sito dell'Istituto Superiore della Sanità troverà, diviso per regioni, l'elenco dei Servizi Territoriali per la Cessazione dal Fumo di Tabacco (Centri Antifumo-CAF) attivi presso strutture del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) e del privato sociale, che le possono fornire il supporto necessario.


Ha risposto Papazian Barbara

Papazian 1

Barbara Papazian

Pneumologa

Svolge attività ambulatoriale come Specialista Pneumologa presso l’Ambulatorio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Milano.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su