Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tic nervoso a 7 anni"

Buongiorno, mia figlia di 7 anni ha un tic nervoso che si manifesta prima con una tosse continua e poi con movimenti a scatto della testa. I sintomi durano circa un mese e sono tre anni che ne soffre. Il pediatra di solito le prescrive gocce di ansiolitico, ma in occasione dell’ultimo episodio, dopo un mese i tic non erano ancora scomparsi e le ha quindi prescritto anche il magnesio x 30 giorni. Sono preoccupata perché vorrei andare più a fondo del problema e capirne le cause. A chi dovrei rivolgermi oltre il pediatra?

Il tic nervoso è un disturbo molto frequente nei bambini, si pensa che circa il 20% ne soffra almeno una volta nella vita. Le cause non sono ben chiare, probabilmente, rispetto agli adulti, i bambini ne sono più soggetti a causa della continua evoluzione delle strutture cerebrali. A volte si associa la balbuzie.

Non è insolito che il problema sia intermittente, come nel suo caso: si presenta per un periodo e scompare, poi ritorna. Le situazioni di ansia o stress possono scatenarlo. I rimedi a base di estratti vegetali o il magnesio supportano le funzioni cerebrali e aiutano a sentirsi più rilassati, ma non fanno sparire il tic, che scompare da solo col tempo e con la crescita.

Se la sua presenza diventa fastidiosa e interferisce con le normali attività quotidiane può consultare un neuropsichiatra infantile. 



Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su