RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tic e spasmi in un bambino di 7 anni"

il figlio di 7 anni di mia cugina ha una serie di spasmi e tic che si presentano sopratutto sulla parte sinistra del corpo. Alcune volte piega la testa verso sinistra mentre in contemporanea alza la spalla sinistra, altre volte ha un tremolio della gamba e gli si muovono le dita dei piedi (anche quando dorme), altre volte ancora la gamba sinistra si blocca. Spesso accusa dolori alla testa, agli arti inferiori e alla pancia. Sono stati varie volte all'ospedale dove l'hanno rassicurata che sono problemi passeggeri e che non deve preoccuparsi. Ha fatto due encefalogramma, in uno i risultati erano perfetti, mentre il secondo indicava "presenza di alterazioni di grado modesto, specifiche, localizzate sulle regioni temporali di sinistra". L'anno scorso il bambino è stato ricoverato in ospedale con Porpora di Schonlein Henoch e sembra che dopo questa malattia gli spasmi e i tic siano aumentati in modo esponenziale. Vorrei poterli aiutare ma non so come. Vorrei portarla al Meyer, ma ho paura che senza una richiesta medica specifica la mia azione sia inutile.

Io non ho competenze cliniche specifiche sui bambini. Il bambino deve effettuare una visita presso un neuropsichiatra infantile per poter chiarire l'origine dei disturbi. Non credo che la pediatra di base si rifiuterà di fare una prescrizione in tal senso se richiesta specificamente. In ogni caso può effettuare una visita privata dove vuole, anche senza una richiesta medica ma come autopresentazione.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su