Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti
Influenza amicizie solitudine

Tanti amici, pochi virus

Una vita sociale attiva tiene alla larga i virus influenzali.

Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Una vita sociale attiva aiuta, tra le altre cose, a tenere lontani i virus influenzale più di quanto si possa pensare. Lo sostiene un gruppo di scienziati australiani.

Che si frequenti una squadra amatoriale di calcio o un’associazione di volontariato non importa. Sembra fondamentale, per la nostra salute, stare insieme agli altri.

Una vita sociale attiva e soddisfacente può avere effetti benefici sulla nostra salute, maggiori anche di quelli indotti da una sana alimentazione e una giusta attività fisica.

Ci sono recenti evidenze, infatti, che partecipare ad attività di gruppo riduce significativamente il rischio di ammalarsi, anche di malattie virali come il raffreddore.

Vita sociale attiva come prevenzione

Secondo i ricercatori delle Università di Exeter e di Queensland, in Australia, l’uomo è un animale sociale, si è evoluto per vivere in gruppi sociali.

Di conseguenza, appartenere a un gruppo migliora non soltanto le prestazioni mentali, le capacità cognitive, la capacità di superare le difficoltà, ma anche le condizioni fisiche.

Sono molte le evidenze che una vita sociale intensa protegga da eventi cardiovascolari e cerebrovascolari (come infarto cardiaco o ictus cerebrale), ma ora si è visto anche che partecipare ad attività di gruppo può realmente proteggere dai raffreddori, più di quanto non ci esponga al rischio di contagio.

A livello fisico, infatti, l’attività sociale riduce lo stress e, di conseguenza, aiuta il sistema nervoso a rimanere in equilibrio, sostenendo l’attività del cuore e del sistema immunitario.


Quanto hai trovato interessante questo contenuto?
 

Articolo scritto da:
VIDEO

Influenza, quanti miti e leggende...

Foto prof giua

Intervista a Corrado Giuia, farmacologo e docente all’Università di Trieste, coordinatore del Master in farmacia clinica negli atenei di Milano e Cagliari.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI MALANNI INVERNALI
Torna su