Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Suggerimenti spezza fame"

Sono una donna di 39 anni che passa molto del suo tempo in ufficio, fa poco sport e ha l’abilità di saper cucinare piuttosto bene. Quindi la ciccia è una presenza costante sul mio fisico (75 kg per 163 cm). In previsione di una gravidanza vorrei perdere qualche chilo per non peggiorare dopo e gravare troppo sulle articolazioni. Potrebbe darmi dei suggerimenti ammazza fame?

Fa molto bene a pensare alla preparazione del fisico per un’eventuale gravidanza, tanto più che non è giovanissima e a maggior ragione deve cominciare in forma e proseguire con costanza e controllo del peso, prima durante e dopo. La buona cucina comunque non guasta. Ecco qualche suggerimento per ammazzare la fame. Per prima cosa si rechi a fare la spesa nelle prime ore del mattino, se può, e dopo aver già fatto una buona prima colazione. Al contrario, se ci va verso l’ora di pranzo o poco prima di cenare, sarà tentata di comprare più del necessario e di smangiucchiare qualcosa. Quando arrivano gli attacchi di fame sgranocchi, sedano fresco, carote crude o finocchi crudi. Oppure fragole al naturale e frutti di bosco, magari accompagnati da gallette di riso. Alterni il pane e la pasta con quelli di farine integrali. Mentre si rilassa una bella manciata di cereali croccanti con un bicchiere di latte scremato o uno yogurt magro senza zucchero. Se sente il bisogno di dolciumi, si orienti verso sorbetti alla frutta (senza zucchero e senza latte) o anche un pezzettino di cioccolato fondente, ma non tutti i giorni. Appena possibile faccia del movimento all’aria aperta, senza dimenticare che anche una sola passeggiata di almeno 30 minuti al giorno è un toccasana.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su