Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Smagliature bianche, che cosa fare"

Sono un ragazzo di 24 anni, sempre stato magro tranne che tra i 15 e i 16 anni quando ho preso parecchi chili per poi eliminarli con una dieta data da un dietologo. Ho perso circa 15 kg in poco piu di 3 mesi e, forse per la dieta o per il tipo di pelle, mi sono comparse delle smagliature abbastanza evidenti su fianchi, schiena bassa e un po' nell'interno braccia. Ora sono già bianche da molto tempo, ma vorrei chiederle, visto che non ho più avuto variazioni di peso, se quelle esistenti col tempo aumentano di grandezza, se rimangono così come sono o se posso far qualche cosa per ridurle. Un ultima curiosità, visto che la mia pelle è stata abbastanza provata dalla dieta potrà peggiorare con l'avanzare dell'età o un alimentazione sana e sport possono ristabilirla?

Le smagliature sono praticamente delle cicatrici. Nella fase in cui appaiono di colore rossastro si possono trattare con risultati soddisfacenti, ma quando si presentano ormai bianche si può solo migliorare il loro aspetto visivo. I trattamenti che vengono proposti sono svariati: preparati specifici per uso locale, iniezioni sottocutanee, laser, luce pulsata ecc. La pelle col passare del tempo subisce inevitabili modificazioni che dipendono da fattori genetici e dallo stile di vita. L'alimentazione è importante per tutto l'organismo, pelle compresa.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su