Pubblicità

Rischio disidratazione: quanta acqua serve quando fai sport?

Reintegrare i fluidi persi con il sudore è essenziale per non sottoporre l’organismo a uno stress inutile.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
acqua sport

Reintegrare i fluidi persi con il sudore è essenziale per non sottoporre l’organismo a uno stress inutile e anche per ottenere una buona perfomance atletica.

Si perde parecchia acqua con il sudore e con la respirazione. La quantità in genere è correlata all’intensità dello sforzo fisico.

Quando comincia a scarseggiare, possono insorgere alcuni problemi, il corpo non lavora più al 100% e, dopo l’attività fisica, i tempi di recupero dei muscoli si allungano.

Durante e dopo la prestazione sportiva

È sbagliatissimo pensare che sia meglio non bere acqua durante l’attività fisica perché altrimenti si suda troppo.

Sudare è fondamentale per l’organismo, serve a regolare la temperatura. Se normalmente, cioè in condizioni normali, si perdono circa 300 ml di acqua ogni ora, mentre si corre o si pratica uno sport la quantità che va persa è nettamente superiore.

Per questo chi fa un’attività fisica intensa non può limitarsi a reintegrare i classici due litri di fluidi al giorno. Basti pensare che un’attività fisica moderata, come il jogging o gita in bicicletta, fa perdere in media da uno a due litri di sudore all’ora.

Evitare la disidratazione

A volte basta un lieve deficit di acqua per andare incontro a una riduzione delle prestazioni sportive.

Per questo gli sportivi professionisti bevono sempre durante l’attività fisica, in modo da ottenere i massimi risultati e sentirsi in forma anche dopo aver terminato l’allenamento. Basta stare attenti a non esagerare e bere quando si ha lo stimolo della sete.

Inoltre è bene non iniziare l’esercizio senza essere ben idratati, altrimenti possono insorgere capogiri, sonnolenza, stanchezza, crampi e scarsa concentrazione.

La scelta migliore per reidratarsi è l’acqua, soprattutto quando si pratica sport a livello non agonistico.

Quanta ne serve?

Si può iniziare bevendo 400-600 ml di acqua una o due ore prima dell’allenamento e altri 200-300 ml 15 minuti prima. Durante l’esercizio si possono, invece, bere 200 ml di acqua ogni 15 minuti.

Per recuperare i fluidi al termine dell’allenamento bisognerebbe bere circa un litro d’acqua per ogni chilo perso. Se, però, la perdita di peso dovesse essere cospicua è meglio pensare di prevenirla bevendo di più prima di iniziare l’allenamento successivo.

Disidratazione e rischi per l’organismo

Perdere più acqua di quanta se ne introduce può essere pericoloso. È sufficiente una disidratazione dell’uno per cento del peso corporeo per iniziare a compromettere diverse performance dell’organismo. Quando la disidratazione passa al due per cento arrivano i problemi legati alla termoregolazione e al volume del sangue.

La situazione si complica ulteriormente se si raggiunge il 5 per cento di disidratazione: ci si sente deboli e si diventa irritabili.

Con una disidratazione del 7 per cento si ha invece a che fare con un malessere generalizzato, debolezza profonda e allucinazioni.

Infine, raggiunto il 10 per cento di disidratazione si rischia il colpo di calore.

VIDEO

Sport: in estate è la stagione ideale, ma...

Albertomartina

Un po' di attività fisica fa sempre bene, ma è con la bella stagione che viene voglia di muoversi. Per sapere come comportarti ascolta l'intervista ad Alberto Martina

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Sali minerali: ecco chi rischia di andare in riserva

  • Rischio carenze minerali 4

    In estate siamo tutti a rischio

    Quando fa caldo e sudiamo di più siamo tutti a rischio di andare in riserva di magnesio e potassio. Con il sudore infatti ne perdiamo in abbondanza e se compaiono sintomi quali stanchezza e spossatezza, è bene correre ai ripari.

  • Rischio carenze minerali

    Chi suda molto

    C’è chi soffre di ipersudorazione e chi suda parecchio perché ama fare tanto sport. In entrambi i casi, il rischio di carenze da magnesio e potassio è da prendere in considerazione.

  • Rischio carenze minerali 3

    Chi è in là con gli anni

    Sono soprattutto gli anziani coloro che devono più stare attenti alle carenze di magnesio e potassio: con gli anni infatti ne assorbiamo sempre meno dalla dieta.

  • Rischio carenze minerali 6

    Chi assume diuretici per curare l’ipertensione

    Molti ipertesi devono assumere, per tenere sotto controlla la pressione, farmaci diuretici. Questi medicinali comportano una maggiore escrezione di potassio con le urine e quindi un aumento del rischio carenza.

  • Rischio carenze minerali 2

    Chi è in sovrappeso

    Chi è in sovrappeso o addirittura obeso tende a sudare di più perché i muscoli fanno più fatica a spostare il maggiore peso corporeo. Per questo motivo, chi ha chili di troppo tende ad andare in carenza di magnesio e potassio.

  • Rischio carenze minerali 5

    Chi soffre di diabete

    Il diabete è una patologia che, tra le altre conseguenze, comporta anche il rischio di andare incontro a carenze di magnesio e potassio.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI SPORT E FITNESS
Torna su