Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Reflusso e colite: quando è necessaria la gastroscopia"

Ho 24 anni e da circa un anno ho iniziato a soffrire di reflusso gastroesofageo associato ad attacchi di colite fortissimi. Nonostante la cura mi era diminuita soltanto l'acidità di stomaco ma non il reflusso e i problemi intestinali e non appena sospesa è ritornata subito anche l'acidità. Da 8 mesi non assumo più lattosio o proteine del latte e ho scongiutrato gli attacchi di colite, ma ho ancora fortissimi dolori di stomaco con reflusso acido accompagnato da gonfiore, meteorismo, dolori. Anche le feci sono sempre non formate, unte e si nota la presenza di molto cibo non digerito. L'unica cosa che mi fa stare meglio sono gli IPP, ma il mio medico non vuole prescrivermi nessuna terapia fino a quando non faccio la gastroscopia della quale ho estremamente paura: esistono altri esami per scoprire che cosa ho? Gli esami del sangue, fegato e il RAST degli alimenti era tutto negativocome il test del morbo celiaco.

Purtroppo non abbiamo molte altre armi, oltre alla gastroscopia, per studiare sintomi quali epigastralgia e pirosi. Tuttavia sembra che i suoi disturbi rispondano bene alla terapia medica. L’esame endoscopico, nel suo caso, è indicato solo per una conferma diagnostica. Un’alternativa può essere proseguire la terapia medica (IPP e procinetico) per almeno tre mesi. Eventualmente si può indagare la presenza di Helicobacter pylori tramite un’esame sulle feci alla ricerca dell’antigene. Se l’Helicobacter fosse assente e la terapia medica proseguita più a lungo non fosse efficace, allora ritengo indicata e non procrastinabile la gastroscopia.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su