Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Reflusso e colite: quando è necessaria la gastroscopia"

Ho 24 anni e da circa un anno ho iniziato a soffrire di reflusso gastroesofageo associato ad attacchi di colite fortissimi. Nonostante la cura mi era diminuita soltanto l'acidità di stomaco ma non il reflusso e i problemi intestinali e non appena sospesa è ritornata subito anche l'acidità. Da 8 mesi non assumo più lattosio o proteine del latte e ho scongiutrato gli attacchi di colite, ma ho ancora fortissimi dolori di stomaco con reflusso acido accompagnato da gonfiore, meteorismo, dolori. Anche le feci sono sempre non formate, unte e si nota la presenza di molto cibo non digerito. L'unica cosa che mi fa stare meglio sono gli IPP, ma il mio medico non vuole prescrivermi nessuna terapia fino a quando non faccio la gastroscopia della quale ho estremamente paura: esistono altri esami per scoprire che cosa ho? Gli esami del sangue, fegato e il RAST degli alimenti era tutto negativocome il test del morbo celiaco.

Purtroppo non abbiamo molte altre armi, oltre alla gastroscopia, per studiare sintomi quali epigastralgia e pirosi. Tuttavia sembra che i suoi disturbi rispondano bene alla terapia medica. L’esame endoscopico, nel suo caso, è indicato solo per una conferma diagnostica. Un’alternativa può essere proseguire la terapia medica (IPP e procinetico) per almeno tre mesi. Eventualmente si può indagare la presenza di Helicobacter pylori tramite un’esame sulle feci alla ricerca dell’antigene. Se l’Helicobacter fosse assente e la terapia medica proseguita più a lungo non fosse efficace, allora ritengo indicata e non procrastinabile la gastroscopia.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su