Pubblicità

Qual è l’ora migliore per fare l’amore?

C’è chi preferisce al mattino, appena ci si sveglia. E poi ci sono quelli che lo fanno soltanto alla sera.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 2 minuti

ARTICOLI CORRELATI

sesso amore mattino pomeriggio sera

C’è chi preferisce al mattino, appena ci si sveglia. E poi ci sono quelli che lo fanno soltanto alla sera. Questione di gusti? Certamente sì, ma…

Il momento più propizio per il sesso è il mattino, prima alzarsi dal letto. Ad affermarlo sono alcune ricerche condotte da esperti di cronobiologia, una scienza che studia il modo in cui il nostro organismo si modifica nell’arco di 24 ore.

Sono diversi i motivi alla base di questa scelta. Anzitutto gli ormoni sessuali: sembra infatti che la loro concentrazione, in particolare quella di testosterone, sia più elevata tra le 6.30 e le 7.30 del mattino. La presenza di questi ormoni favorisce il desiderio sessuale, sia negli uomini sia nelle donne.

A ciò si aggiunga anche che al mattino, appena svegli, non siamo ancora stati coinvolti, o travolti, dai problemi quotidiani. Se c’è meno stress, il sesso ci guadagna.

I vantaggi del sesso al mattino

Il sesso mattutino poi ha anche altri vantaggi: alcuni studi hanno dimostrato che è un buon modo per mantenere unita la coppia.

E sembra anche che cominciare la giornata con un rapporto sessuale predisponga all’ottimismo e al buon umore, riducendo in partenza lo stress e le tensioni che si accumuleranno durante la giornata lavorativa.

Chi poi deve perdere qualche chilo di troppo dovrebbe farci un pensierino: è stato osservato che un’attività fisica mattutina, piacevole, impegnativa e a digiuno favorisce la perdita di peso e l’eliminazione degli accumuli di grasso. A patto però di non abbuffarsi di croissant e biscotti a colazione.

Di sessualità maschile si parla poco: ecco il parere di Furio Pirozzi Farina, andrologo.

Vuoi sapere se la vita di coppia fa per te? Ecco il test per scoprire se sei pronta per una relazione stabile.

CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su