Pubblicità

Prurito in inverno: fondamentale proteggere la pelle

Il freddo è un nemico dichiarato della cute. Ecco come affrontare il disturbo.

Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 4 minuti
pelle grattarsi inverno freddo

Il freddo è un nemico dichiarato della cute. Ecco come affrontare i disturbi che ne possono derivare.

Non ci sono più le mezze stagioni. E per la pelle è un vero guaio, perché il clima mite e dolcemente soleggiato, senza estremi di temperatura e umidità, tipico dei mesi primaverili e del primo autunno è ideale per il benessere cutaneo.

Il freddo invernale, al contrario, è un suo nemico dichiarato poiché mette a dura prova l’equilibrio della barriera dermoepidermica, promuovendo sensibilizzazioni, screpolature, arrossamenti e prurito.

Altrettanti danni vengono, poi, dagli sbalzi di temperatura cui inevitabilmente ci si espone nella stagione fredda, entrando e uscendo da ambienti riscaldati, e dal riscaldamento stesso che, riducendo troppo l’umidità dell’aria all’interno di case e uffici, promuove la disidratazione, il prurito e l’irritazione cutanea.

Per prevenire e alleviare questi fastidi, nei mesi che vanno da novembre a marzo, le parole d’ordine sono “rispettare” e “proteggere”.

Le barriere ai danni del freddo

A fare le spese dei rigori dell’inverno sono soprattutto le aree cutanee più esposte e delicate, come il viso e le mani, ma anche la pelle coperta dai vestiti ne risente in una certa misura se non riceve cure e nutrimento adeguati.

Disidratazione, sensibilizzazioni, bruciore e prurito possono comparire in una qualunque zona del corpo, soprattutto se promosse dallo sfregamento con indumenti ruvidi o irritanti.

Pubblicità

Se i sintomi sono soltanto questi, non c’è da preoccuparsi; viceversa, se un prurito persistente si associa a eruzioni cutanee o macchie rossastre o color caffè-latte è consigliabile consultare il medico perché potrebbe trattarsi di una micosi contratta durante l’estate, in piscina o in palestra, senza rendersene conto, e resasi evidente soltanto dopo alcuni mesi.

Posta l’assenza di malattie specifiche, il primo consiglio per evitare fastidi e mantenere una pelle morbida, luminosa ed elastica anche nei mesi freddi, è proteggere sempre viso e mani con sciarpa e guanti e applicare ripetutamente creme idratanti ed emollienti su tutto il corpo.

Una raccomandazione che deve essere rispettata soprattutto dai bambini, da chi ha un’epidermide sensibile e da chi soffre di atopia, ma vantaggiosa anche per chi presenta una cute sana e abbastanza resistente.

Altrettanto importante, è evitare il contatto troppo frequente o prolungato con l’acqua, soprattutto se molto calda o fredda.

Bagni e docce devono essere brevi (10-15 minuti al massimo), effettuati con acqua tiepida (38°-40°C) e utilizzando un detergente delicato, con un pH debolmente acido (5,5-6,0), com’è quello naturale dell’epidermide.

Chi ha una cute fragile e irritabile dovrebbe preferire il bagno alla doccia e aggiungere all’acqua prodotti emollienti e idratanti (per esempio, a base di oli vegetali, amido o avena), utilizzando poi per asciugarsi teli morbidi, in fibre naturali.

Idratazione regolare e specifica

Dopo aver tamponato delicatamente, la pelle va idratata con emulsioni o creme di qualità certificata, prive di conservanti, coloranti e profumi potenzialmente sensibilizzanti.

Quando, purtroppo, infiammazione e prurito sono già presenti in zone circoscritte, per attenuarli è possibile utilizzare creme altamente idratanti più specifiche, acquistabili in farmacia senza ricetta.

Grazie alla presenza di lipidi simili a quelli naturali della pelle (lipidi lamellari) e precursori vitaminici, come la provitamina B5 (pantenolo) queste formulazioni sono in grado di favorire una rapida rigenerazione della barriera idrolipidica superficiale.

Il fastidio cutaneo inizierà a scomparire già dopo poche ore dalla loro applicazione e il problema sarà risolto nell’arco di alcuni giorni. Se così non fosse, è necessario consultare il medico.

Claudia Guglielmi

CHIEDI ALL'ESPERTO

Hai bisogno di un consiglio? Un team di esperti è a tua disposizione per consulti online gratuiti e anonimi. Chiedi ai nostri esperti per avere risposte sulla tua salute. Le domande saranno pubblicate in forma anonima. Per inviare le tue domande registrati o effettua il login qui .

Garonzi Francesco Garonzi
Dermatologo

CONSULTA IL TEAM DI ESPERTI

VIDEO

Ho la pelle molto secca, che posso fare?

Pelle secca cause e rimedi

D'inverno per il freddo, d'estate soprattutto se ci si espone a sole e vento, la pelle diviene facilmente secca. Ecco che fare.secca è

LEGGI TUTTO
Fotogallery

Pantenolo, vitamina multitasking

  • Fotolia 40613763 s

    Sederini arrossati, no problem

    Se affrontate per tempo, le irritazioni da pannolino, chiamate anche dermatiti, si possono risolvere senza problemi. Il pantenolo è dotato di attività rigenerante e lenitiva dell'epidermide. In pratica, non soltanto previene gli arrossamenti, ma allevia i sintomi quando il sederino è già irritato e favorisce il naturale processo di rigenerazione dell'epidermide.

  • Fotolia 50527591 s

    Scottature solari

    Irritata, arrossata e sensibile: così appare la pelle dopo una giornatadi mare. Alla sera, una crema a base di pantenolo aiuta, da un lato, a raffreddare e a lenire il fastidio provocato dalla piccola ustione e, dall’altro, a prevenire ulteriori danni al tessuto cutaneo. Anche in questo caso, la provitamina idrata e favorisce il naturale processo di rigenerazione della cute.

  • Fotolia 42637730 s

    Anti-smagliature in gravidanza

    Dopo nove mesi con il pancione ci si può scoprire a fare i conti con le smagliature della pelle. Per questo è importante, dai primi mesi e fin dopo il parto, applicare creme a base di pantenolo: migliorano l’elasticità della pelle e aiutano a ridurre la comparsa delle smagliature.

  • Fotolia 51649704 s

    Protezione del seno

    Allattare è un’esperienza meravigliosa. A patto che non lasci brutti ricordi intorno al capezzolo. In caso di arrossamenti e irritazioni, si possono usare creme a base di pantenolo: vanno applicate dopo ogni poppata, avendo cura di detergere accuratamente le mammelle prima della poppata successiva.

  • Fotolia 52541674 s

    Tatuaggi, che passione

    È un uso non ufficiale del pantenolo, ma sui siti di settore e nei blog se ne parla molto. In pratica, dopo aver fatto un tatuaggio, la pelle appare arrossata e irritata. In molti hanno visto che applicando una crema a base di pantenolo il disturbo guarisce più in fretta. Non esistono però prove scientifiche di questo utilizzo. Per cui è sempre bene chiedere un parere al medico o al farmacista prima di applicarlo.

  • Fotolia 48015407 s

    Naso raffreddato, pelle irritata

    Dopo un raffreddore non è raro ritrovarsi con la pelle del naso e del labbro superiore arrossata e screpolata. In questi casi può aiutare l’applicazione di creme contenenti pantenolo che, in virtù delle sue proprietà lenitive e rigenerative della cute, manda via il fastidio in poco tempo.


CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su