Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Prevenzione delle otiti ricorrenti nei più piccini"

Ho un bambino di 4 anni e mezzo che soffre di allergia agli acari della polvere e spesso di otite dovuta ad accumuli di muco. Prende antistaminico e fa spruzzetto 20 giorni al mese con spray nasale cortisonico mattina e sera, aerosol con fluocinolone e neomicina gocce solo quando il pediatra ritiene necessario. Queste otiti ricorrenti non possono essere prevenute?

Le otiti sono una complicanza dei raffreddori nei bimbi in età prescolare. Il muco, derivante dall'infiammazione della mucosa nasale, ristagna nelle tube di Eustachio, due canalini che si trovano tra la cavità nasale e l'orecchio medio. Nei bambini piccoli hanno un orientamento più orizzontale, rispetto ai più grandi, e il muco ristagna più facilmente. Per questo i più piccini sono più soggetti a otiti. Prevenirle non è semplice. Le cause delle riniti sono per lo più infettive, cioè i comuni raffreddori della stagione invernale, o allergiche. Impedire la rinite è quasi impossibile. I lavaggi nasali o gli spruzzi con soluzione fisiologica servono ai bimbi che ancora non sanno soffiare bene il naso, i farmaci decongestionanti e antinfiammatori sono un buon rimedio locale, è importante praticare entrambi. La frequenza delle otite dovrebbe spontaneamente ridursi con la crescita del bimbo, fino a scomparire. Se non dovesse accadere è opportuno che il bambino venga valutato da un otorino per capire se ci sono anche altri motivi che lo predispongono.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su